Giovane malmenato, il Modo: "Condanniamo il comportamento dei buttafuori"

I gestori del noto locale della movida salernitana prendono le distanze, con un post su Facebook, dall'episodio di violenza che si è verificato domenica sera

La vetrata danneggiat (Foto Modo-Facebook)

Dopo il polverone per l’aggressione verificatosi, domenica sera, dinanzi ad un noto locale della zona orientale di Salerno, spunta un post sulla pagina Facebook de “Il Modo” che prende le distanze dall’episodio di violenza che ha visto tre buttafuori malmenare il giovane Patrizio Glielmi - che ora si dice pronto a sporgere denuncia - dopo che quest’ultimo aveva battuto più volte una serie di colpi contro la porta d’ingresso del locale.

La nota dei gestori:

“Ci dissociamo e condanniamo senza alcun dubbio l'operato e il comportamento degli addetti alla sicurezza, che ne risponderanno nelle sedi opportune. Sottolineiamo che il locale è parte lesa due volte, non una.  Prima per aver subito danneggiamenti materiali, come si vede dalla foto e dalle immagini video, da un avventore che, visibilmente alterato, ha rischiato di ferire altri clienti e soprattutto dal comportamento inadeguato degli addetti alla sicurezza. E' giusto il caso di precisare, che gli stessi non vengono scelti da noi, ma da una società di servizi nel rispetto delle credenziali e della autorizzazioni previste dalla legge. Sono immagini che non ci appartengono e che non fanno parte della storia ultra decennale del "Modo". In tal senso tuteleremo la nostra immagine nelle sedi opportune”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Scusate, un attimo di attenzione grazie. Vi rendete conto di quanto questa storia sia ridicola? I buttafuori hanno il DOVERE di garantire la sicurezza dei clienti in un locale e di allontanare chi crea disordini o mette in pericolo la sicurezza dei presenti, e per difendersi, se attaccati, possono utilizzare anche a loro volta l’autodifesa. Il ragazzo era visibilmente un violento ubriaco, già nel locale era stato richiamato più volte perché creava problemi ed infatti poi è stato cacciato fuori giustamente. Questo coglione, perché solo così si può chiamare, al posto di vergognarsi e tornarsene a casa, ha avuto il coraggio di colpire violentemente la porta d’ingresso, e quando è stata aperta ha colpito visibilmente con tutta la forza in faccia ad un addetto con quella che mi sembra una bottiglia di vetro o qualcosa di simile, rivelandosi per quello che è: un soggetto pericoloso e fuori controllo, ubriaco e violento, che può mettere in pericolo l’incolumità dei presenti. A quel punto è normale che i buttafuori DEVONO immediatamente neutralizzarlo, e secondo me ci sono andati fin troppo piano, se avessero fatto sul serio a quest’ora il ragazzo era in ospedale più morto che vivo, da professionisti hanno solo fatto in modo di neutralizzarlo per renderlo innocuo, e il ragazzo da bravo rincoglionito anziché andarsene come gli veniva intimato dai buttafuori, ha continuato a scagliarsi contro di loro che giustamente si sono dovuti difendere, in modo fin troppo leggero. Da frequentatore della movida, mi è capitato fin troppo spesso di trovare personaggi del genere in giro, e ho rischiato la vita o comunque di finire in ospedale più volte, mai un buttafuori che mi ha aiutato, ricordo alle Scimmie a Largocampo, stava accadendo il finimondo e nessuno faceva niente, noi ragazzi abbiamo bisogno per una questione di diritto alla sicurezza di addetti che si occupino di sta gente fuori di testa, violenti, ubriachi ecc... Accanirsi così tanto contro persone che stanno lì a fare il loro lavoro per garantire la sicurezza pubblica, e lasciarla fare franca al ragazzo che è l’ennesimo personaggione di quelli violenti, ubriaconi, molesti e fuori controllo, è una cosa ridicola, ci sarebbe da vergognarsi.

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Incidente a San Rufo, auto finisce contro un muretto: 3 feriti

  • Cronaca

    Rapina a mano armata in una macelleria di Scafati: caccia ai malviventi

  • Cronaca

    Sole, mare e coriandoli: boom di presenze a Salerno in attesa del Carnevale

  • Cronaca

    Salerno al setaccio: doppie pattuglie per stanare i veicoli senza assicurazione e revisione

I più letti della settimana

  • Ora legale: lancette in avanti, ecco quando

  • Botti al matrimonio, cavallo del carro funebre si spaventa e muore

  • Pestaggio davanti al locale, parla la vittima: "Denuncerò i buttafuori"

  • Corruzione a Salerno: arrestati il direttore dell'Agenzia delle Entrate, l'imprenditore La Marca e un ex affiliato al clan Maiale

  • Pronuncia formule incomprensibili "contro" un bar e va via: perplessità in via Memoli

  • Neonata salernitana muore al Santobono, madre condannata per omicidio

Torna su
SalernoToday è in caricamento