Malasanità, indagati per omicidio colposo 5 sanitari dell'ospedale di Polla

Continuano gli accertamenti sul decesso del 45enne di Sanza che, a marzo di quattro anni fa, cadde da una finestra dell’ospedale di Polla e morì durante il trasporto in ambulanza

Ospedale

Rinviati a giudizio quattro infermieri e un medico dell'ospedale Luigi Curto di Polla. Lo ha disposto il giudice delle udienze preliminari del tribunale di Lagonegro: l'accusa per i sanitari è di omicidio colposo in concorso. Proseguono gli accertamenti sul decesso del 45enne di Sanza che, a marzo di quattro anni fa, cadde da una finestra dell’ospedale di Polla e morì durante il trasporto in ambulanza all’ospedale Ruggi di Salerno.

Pare che il paziente avesse manifestato più volte la volontà di uscire dal nosocomio e in seguito alla caduta, avvenuta da un’altezza di circa 6 metri, avesse riportato lesioni molto gravi. Secondo gli inquirenti, lo stato confusionale del paziente fu preso alla leggera sotto il profilo diagnostico e terapeutico da parte degli infermieri e dei medici. Per i cinque accusati, dunque, inizia il processo.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Salerno, controlli della Polizia Marittima: scoperto tunisino nascosto tra i rotoli di cellophane

  • Cronaca

    Rifiuti e dimissioni, video di Vincenzo De Luca su fb: "Operazione camorristica"

  • Cronaca

    Scafati, attentato alla pescheria: il ricorso in Cassazione e l'ipotesi di un "nuovo clan"

  • Cronaca

    Tenta di uccidersi nel giorno della sua laurea: salvo per miracolo

I più letti della settimana

  • Dramma a Salerno, donna muore per un malore vicino al mercato

  • Uomo lancia bottiglie di vetro dal terzo piano in via Carmine: transennata l'area

  • Tre scosse di terremoto tra Campania e Basilicata: nessun danno

  • Nuova allerta della Protezione Civile: in arrivo gelate e pioggia

  • Tentato furto in una casa in via Irno: lo youtuber "Biskotto" blocca il ladro

Torna su
SalernoToday è in caricamento