Turisti e street food: Salerno visitata da decine di motociclisti

Trekking urbano, percorsi del gusto, raduno in città di decine di appassionati dei motori. Un nuovo modo di fare turismo, in sella alle moto ma anche casco in mano, a spasso per vicoli, piazze e chiese della città

Il motoraduno di Salerno

Motociclisti provenienti da tutta la Campania e da fuori Regione hanno fatto tappa a Salerno in occasione del motoraduno svoltosi in città, lo scorso 13 maggio. L'evento ha consentito ai mototuristi di costeggiare il Lungomare, la spiaggia di Santa Teresa, la Villa Comunale. Poi una passeggiata pedonale ai Giardini della Minerva, Chiesa San Giorgio, Duomo, Chiesa dell'Annunziata. Il raduno è stato organizzato dal Motoclub Salerno - anno di fondazione 1974, il più antico del capoluogo -, capitanato da Assunta Rega e Massimo Gambini. 

Il trekking

Il primo "Motoraduno Città di Salerno”, organizzato dal Motoclub Salerno, era valido come prima prova del Trofeo Mototuristico della Federazione motociclistica Italiana. Il progetto ha ricevuto il patrocinio del Comune, subito accolto dall’assessore allo sport e all’ambiente, Angelo Caramanno. L’amministrazione ha messo a disposizione piazza Tommaso Scillato adiacente il Forte La Carnale. Alle ore 10.30, come da programma, le staffette dei vigili urbani hanno scortato i partecipanti fino in centro città. Da qui è partito poi il trekking urbano che ha attraversato il centro storico. L’iniziativa era riservata ai primi 50 equipaggi prenotati ma il numero degli iscritti si è raddoppiato alla partenza. Il simpatico inconveniente non ha spiazzato i marshall ed i vigili urbani che hanno rapidamente ovviato e sistemato le centinaia di moto. Ad aspettare la comitiva c’era Luca Galdi, salernitano, appassionato della storia cittadina e Cicerone della Chiesa di San Giorgio. In compagnia di Galdi, i mototuristi hanno attraversato la Villa Comunale, passando davanti alla chiesa dell’Annunziata e raggiungendo i Giardini della Minerva fino a completare il giro turistico al Duomo e nella Chiesa di San Giorgio. Poi spazio allo street food ed ai prodotti tipici locali durante la sosta pranzo.
 

La tappa

Nel parco chiuso del motoraduno sono arrivati altri motociclisti che hanno aperto la loro stagione agonistica proprio da Salerno consumando la colazione ed il buffet offerti dal Motoclub Salerno con musica rock. Alle ore 13, il direttore della manifestazione ha chiuso le iscrizioni e sono state pubblicate le classifiche che per la prima volta hanno visto l’applicazione del fattore K, coefficiente moltiplicatore in base alla provincia di provenienza. I vincitori: Overdrivemotoclub Tonino Limata di Telese Terme, capitanati dal presidente Vincenzo Mastrocola; Motoclub Bikers Michele Caiola ed il Motoclub I Solidali. Il Motoclub Il Redentore di Totò De Filippo porta a casa il Primo posto come Motoclub fuori regione, seguito da Motoclub il Nibbio e Motoclub Domenico D’Angelo. I premiati speciali dal Motoclub Salerno sono stati Lorella Esposito come motocilista più sexy, Marco Liverini motocilista più giovane, Fabrizio Carini motocilista proveniente da più lontano, Motoclub Wolf Cilento premio Amicizia, Easyrider Motoclub Premio Aglianico, MC Legend Liteanata come free bikers. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia all'Università di Fisciano: giovane precipita dal parcheggio multipiano e muore

  • Blitz a Casa Campitelli di Pagani, scoperta "azienda" della droga: 13 arresti

  • Dramma a Cava, giovane precipita dal balcone e muore

  • Arancini, crocche e specialità siciliane: inaugurata "Mizzica" a Salerno

  • Paura a Battipaglia, rapinato un supermercato: donna ferita

  • Suicidio all'Unisa, il cordoglio di Loia: in arrivo tre psicologi per gli studenti

Torna su
SalernoToday è in caricamento