Museo Papi: la storia della medicina dal '700 al '900 nel centro storico di Salerno

Data l'ampiezza e la particolarità della collezione, risulta essere uno dei maggiori punti di riferimento della storia della medicina. Un vero e proprio gioiello che si trova nel cuore del centro storico di Salerno

Uno dei fiori all'occhiello dell'offerta turistica della città di Salerno è senza dubbio il museo Roberto Papi di via Trotula de Ruggiero. L'esposizione presente nel museo, facente parte della collezione di Mario Papi che ha voluto dedicare il museo al figlio prematuramente scomparso, consiste in uno strumentario medico chirurgico databile tra il XVII ed il XX secolo.

L'allestimento

Il piano terra è dedicato interamente alla farmacia mentre le numerose sale del primo piano sono dedicate a diverse branche della medicina: odontoiatria, oculustica, otorinolaringoiatria, pneuomoligia, neurologia, chirurgia, ginecologia, urologia e medicina di guerra. Data l'ampiezza e la particolarità della collezione, risulta essere uno dei maggiori punti di riferimento della storia della medicina. Un vero e proprio gioiello che si trova nel cuore del centro storico di Salerno.

Il museo è aperto dal giovedì al sabato (10.00-13.00/16.30-18.30) e la domenica (10.00-13.00)

Potrebbe interessarti

  • Maxi concorso della Regione Campania: come fare domanda

  • Grosso serpente sul lungomare di Salerno: l'appello dei cittadini

  • Sintomi, rimedi ed esercizi contro il dolore alla cervicale

  • Piano per rapinare un commerciante di Angri, ai domiciliari uno della banda

I più letti della settimana

  • Allerta meteo in Campania, le previsioni nel salernitano

  • Suicidio a Capaccio, 53enne si impicca con un foulard

  • Incidente sull'A2 del Mediterraneo, all'altezza di San Mango: 5 feriti di cui uno grave

  • Lutto a Mercato San Severino: il giovane Enzo muore in un incidente in Abruzzo

  • Si accoltella alla gola e poi si lancia in un dirupo: soccorso giovane a Salerno

  • Sorpresi a fare sesso sulla spiaggia, due turisti scambiati per residenti di Ravello

Torna su
SalernoToday è in caricamento