Lascia la casa ad una sconosciuta, la procura apre un'indagine

Dopo qualche mese, alla donna fu consegnata una cifra in denaro e accompagnata fuori casa. Da allora vivrebbe per strada, dormendo spesso anche in macchina. La sorella ha denunciato il caso alla procura

Costretta ad abbandonare la propria casa con l'inganno: scatta una denuncia alla procura, una diffida all’Iacp e una segnalazione al Comune di Nocera.

La storia


La casa popolare finita al centro della querelle è in via Cupa del serio, nel quartiere di Piedimonte. L’esposto riferisce di una donna rimasta in casa, da sola, dopo la morte dei genitori. La famiglia ci aveva vissuto per 40 anni circa. La donna, secondo quanto riportato dalla sorella, sarebbe stata raggirata un anno fa e costretta ad abbandonare la casa, occupata da altri. A prendere possesso della casa sarebbe stata una donna, che già risiedeva nelle palazzine di via Cupa del Serio. Quest’ultima avrebbe chiesto ospitalità alla legittima proprietaria, che soffre di problemi di salute. Dopo qualche mese, alla donna fu consegnata una cifra in denaro e accompagnata fuori casa. Da allora vivrebbe per strada, dormendo spesso anche in macchina. L'altra donna, che invece ha occupato la casa, avrebbe provveduto a cambiare la serratura dell’abitazione.

A nulla sarebbero valse le denunce all'autorità giudiziaria e all'Iacp. Secondo il regolamento che disciplina l'accesso alle case popolari, gli unici legittimati a subentrare in un alloggio sono gli eredi conviventi. In questo caso, però, la donna si ritrova per strada, anche avendone pieno diritto

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia all'Università di Fisciano: giovane precipita dal parcheggio multipiano e muore

  • Suicidio all'Unisa, il cordoglio di Loia: in arrivo tre psicologi per gli studenti

  • Ex coppia di Pontecagnano a "C'è Posta per te": Federica dice no a Salvatore

  • Gelo a Ricigliano, il parroco ai fedeli: "Celebro la messa a casa vostra"

  • Contursi Terme piange Mumù, il sindaco dei cani

Torna su
SalernoToday è in caricamento