Un chilo di coca nascosto in casa di parenti, resta in carcere il nocerino arrestato dalla Mobile

L'uomo è comparso ieri mattina, dinanzi al gip Gustavo Danise, per la convalida dell'arresto. E' difeso dai legali Francesco Vicidomini e Giuseppe Della Monica

Resta in carcere il 34enne nocerino, L.V. , arrestato lo scorso fine settimana, perchè nelle sue disponibilità aveva un chilo di cocaina. L'uomo è comparso ieri mattina, dinanzi al gip Gustavo Danise, per la convalida dell'arresto. Difeso dai legali Francesco Vicidomini e Giuseppe Della Monica, il ragazzo ha ammesso gli addebiti che gli vengono contestati, a seguito dell'arresto eseguito dalla Squadra Mobile di Salerno, al termine di una specifica attività di repressione del fenomeno dello spaccio di stupefacenti. La droga era stata trovata in casa di parenti, nascosta tra i mobili di una camera

L'indagine

Gli agenti avevano anche rinvenuto un bilancino di precisione e banconote di vario taglio per oltre 10.000 euro e vari effetti cambiari superiore a 15.000 euro, ritenuti il provento dell'attività illecita. La droga sequestrata era ancora composta in grosse «pietre», che sarebbero poi state sottoposte al «taglio» per moltiplicare la quantità e ottimizzare i profitti. Tagliando da uno a tre la cocaina avrebbe potuto fruttare anche 90.000 euro. L'uomo resta in carcere con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con l'auto in litoranea a Pontecagnano: muore 47enne

  • Striscia la Notizia a Salerno: pazienti oncologici rinunciano agli esami per il blocco delle convenzioni

  • Furibonda lite in strada tra avvocatesse, a Pagani: la denuncia

  • Nuova allerta meteo in Campania: ecco le previsioni

  • Piazza della Libertà, i lavori saranno completati dalla "Rcm" di Rainone

  • “Si è spento serenamente”, ma l'uomo è vivo: Sarno tappezzata di "falsi" manifesti

Torna su
SalernoToday è in caricamento