Nocera Inferiore, azienda truffata sull'acquisto di 3 auto: danno di 25mila euro

I due imputati, denunciati da una società dell'Agro nocerino, hanno residenza nel nord Italia e risultano essere entrambi titolari di una società che avrebbe incassato i soldi delle tre auto acquistate senza però concludere l'acquisto

Pagano per l'acquisto di tre macchine ma la merce non arriva mai a destinazione. La vicenda ora oggetto di un processo ruota intorno ad una truffa di oltre 25mila euro.

La denuncia

I due imputati, denunciati da una società dell'Agro nocerino, hanno residenza nel nord Italia e risultano essere entrambi titolari di una società che avrebbe incassato i soldi delle tre auto acquistate senza però concludere l'acquisto con i compratori. Si trattava di una Fiat Panda, un'Alfa Romeo e una Porsche. I due saranno processati dal giudice monocratico presso il tribunale di Nocera Inferiore con l'accusa di insolvenza fraudolenta. Uno dei due, avrebbe proposto più volte l'acquisto di autovetture a prezzi concorrenziali, previa vendita tramite aste, a più persone. Il pagamento avvenne in bonifico, da parte di una società di Nocera Inferiore. I veicoli però non giunsero mai a destinazione. Alla richiesta di spiegazioni da parte dei compratori, i due spiegarono di aver avuto "problemi logistici" che avevano impedito la materiale disponibilità delle auto. A questo seguì la rassicurazione che sarebbero bastati altri pochi giorni di attesa per la consegna. La merce, però, non giunse mai a destinazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma al Ruggi, ragazza partorisce la figlia e poi muore di tumore

  • Costiera a lutto, è morto prematuramente il maresciallo Perrelli

  • Concorso per OSS a Salerno, annunciate anche oltre 500 assunzioni di medici e amministrativi

  • Colpito da un'ischemia, continua a guidare: salvato un uomo ad Antessano di Baronissi

  • San Valentino a Salerno: dal dolce al salato, il romanticismo "avvolge" la città

  • Centro commerciale La Fabbrica: lavoratori pronti allo sciopero

Torna su
SalernoToday è in caricamento