Nocera Superiore, energia elettrica comunale per illuminare terreno: in 4 nei guai

Secondo le accuse della procura di Nocera Inferiore, due dipendenti avrebbero permesso l'allaccio di due fari, a loro volta legati alla rete elettrica comunale, per illuminare un terreno privato

Due dipendenti comunali, insieme a due privati cittadini, rischiano il processo per una vicenda che risale al 2016. Secondo le accuse della procura di Nocera Inferiore, formulate in una richiesta di rinvio a giudizio, i due dipendenti avrebbero permesso l'allaccio di due fari, a loro volta legati alla rete elettrica comunale, per illuminare un terreno privato. I due rischiano un processo con l'accusa di abuso d'ufficio.

Le accuse

Secondo le indagini dei carabinieri della stazione di Nocera Superiore, su quel terreno sarebbero state presenti anche opere in violazione del regolamento edilizio, tra campi da bocce, deposito, un locale ristoro e servizi igienici, sprovvisti del titolo abilitativo. I due rispondono anche di furto aggravato, avendo usufruito della rete dell'energia elettrica comunale per un periodo non meglio quantificato. Uno dei dipendenti, inoltre, risponde anche di calunnia, perchè avrebbe riferito ai carabinieri che quell'allaccio fu fatto da personale del comune, senza però il suo ordine di servizio. Uno di questi tecnici, successivamente, sporse denuncia ai carabinieri, dando inizio alle indagini. A decidere per il processo sarà il gip, in udienza preliminare, il prossimo ottobre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Sant'Egidio, donna muore folgorata nella doccia

  • Colto da malore mentre l'amico fa benzina: muore 30enne a San Mango Piemonte

  • Morto investito da un treno, la sorella: "Vorrei abbracciare chi ha avuto il cuore di mio fratello"

  • Suicidio a Salerno, uomo trovato morto in strada: si indaga

  • Paura nel Golfo di Policastro, registrate quattro scosse di terremoto in mare

  • Incidente a Cassino, grave don Antonio Agovino di Sarno: i fedeli si riuniscono in preghiera

Torna su
SalernoToday è in caricamento