Nocerina-Foggia, interrogati i tifosi arrestati : in due tacciono, il terzo confessa

Le indagini sono tuttora in corso per riuscire ad individuare tutti i protagonista della violenta rissa ma anche degli autori delle aggressioni contro le forze dell’ordine

Due dei tre tifosi della Nocerina, arrestati dalla Polizia a seguito degli scontri verificatisi fuori dallo stadio in occasione della partita di calcio contro il Foggia,  sono stati rimessi in libertà e sottoposti all’obbligo di dimora a Nocera Inferiore e Nocera Superiore. Hanno rispettivamente 26 e 29 anni ed entrambi erano finiti agli arresti domiciliari e si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. Il terzo, che era finito dietro le sbarre con l’accusa di resistenza, è tornato totalmente libero dopo aver ammesso di aver lanciato, insieme a tante altre, delle pietre durante lo scontro tra le tifoserie rivali.

L'inchiesta

Le indagini, però, sono tuttora in corso per riuscire ad individuare tutti i protagonista della violenta rissa  ma anche degli autori delle aggressioni contro le forze dell’ordine. In queste ore gli inquirenti stanno analizzando nei dettagli le telecamere di videosorveglianza per dare un volto a queste persone.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma tra le due Nocera, giovane geometra si toglie la vita

  • Eboli, sequestrata una macelleria: il proprietario tenta di aggredire i carabinieri

  • Ultras Salernitana a lutto: è morto Antonio Liguori

  • Roccadaspide, raccoglie castagne cadute sulla strada: minacciato con un'ascia per il "furto"

  • Settecentomila lettere in partenza dall'Agenzia delle Entrate

  • Allaccio abusivo all'energia elettrica: torna libero il titolare del "Giardino degli Dei"

Torna su
SalernoToday è in caricamento