Omicidio Maria Rosaria Ricci: confessione degli arrestati

Lo riporta il quotidiano la Città di Salerno. I due, al termine di un lungo interrogatorio davanti al pm Carmine Olivieri, hanno confessato il delitto di sabato notte. Alla base precedenti minacce

Immagine di repertorio

Omicidio Maria Rosaria Ricci, hanno confessato i due giovani fermati: al termine dell'interrogatorio davanti al pm Carmine Olivieri, i due giovani arrestati e sospettati di aver ucciso la donna e ferito gravemente il marito. M. D. P. e T. A., i due ebolitani fermati dai carabinieri, hanno confessato il delitto. Alla base della tragedia, così come si era appreso in precedenza, screzi e liti precedenti, motivi di gelosia e addirittura minacce che una congiunta di uno dei due giovani avrebbe ricevuto dalla coppia. Lo riporta il quotidiano la Città di Salerno.

Maria Rosaria Ricci era stata uccisa nella notte tra sabato e domenica ad Eboli mentre rincasava con il marito G. C., rimasto gravemente ferito e ricoverato in ospedale. Successivamente i carabinieri della compagnia di Eboli (agli ordini del capitano Alessandro Cisternino) e del comando provinciale di Salerno (agli ordini del colonnello Fabrizio Parrulli e del tenente colonnello Francesco Merone) avevano subito fermato, in seguito ad indagini, i due giovani ebolitani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia all'Università di Fisciano: giovane precipita dal parcheggio multipiano e muore

  • Blitz a Casa Campitelli di Pagani, scoperta "azienda" della droga: 13 arresti

  • Suicidio all'Unisa, il cordoglio di Loia: in arrivo tre psicologi per gli studenti

  • Gelo a Ricigliano, il parroco ai fedeli: "Celebro la messa a casa vostra"

  • Contursi Terme piange Mumù, il sindaco dei cani

Torna su
SalernoToday è in caricamento