Sanità, l'annuncio di De Luca: "160 nuovi posti di lavoro al Ruggi"

Via libera della Regione alle procedure per l'assunzione di nuovi medici e infermieri. Il presidente ha anche parlato di sistema integrato aeroportuale e della presentazione del nuovo tratto di litoranea

Azienda Ospedaliero Universitaria San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona

"Vi do una bella notizia: abbiamo deciso ieri di destinare 160 unità lavorative al Ruggi, medici e infermieri". Ecco l'annuncio del Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, a margine della presentazione di Salerno Letteratura. "Era un'esigenza vitale - spiega il governatore - perché rischiavamo di chiudere il Da Procida, unico polo della riabilitazione, eravamo in difficoltà al Pronto Soccorso, in affanno in altri reparti. Ho voluto dare un segnale, il Ruggi lo merita". 

Via libera

"Da oggi non ci sono più alibi - prosegue De Luca - il Direttore Generale può andare avanti con le procedure di reclutamento di medici e infermieri. Parallelamente è necessario scorrere anche le graduatorie aperte. E' inutile fare nuovi concorsi che dureranno anni. Meglio scorrere le graduatorie. Vale per tutte le figure professionali: ci sono ingegneri, tecnici informatici, infermieri". 


L'ospedale che verrà

De Luca ha riparlato del nuovo ospedale. "Abbiamo in dirittura d'arrivo il bando per la selezione dei progettisti - ha spiegato - La cosa importante l'abbiamo già fatta: abbiamo reperito 400 milioni di euro per il nuovo ospedale. Può sembrare che tutto cada dal cielo. No... cade da De Luca, sia chiaro. Era in ballo il futuro, perché tra 3-4 anni bisognerà chiudere il vecchio ospedale che rischia il collasso. Avremo un nuovo polo ospedaliero, tecnologicamente avanzato". 


Aeroporto

Il governatore ha analizzato anche il presente e il futuro dell'aeroporto salernitano. "Abbiamo trovato i 50 milioni di euro - veri e non finti - per realizzare la pista più lunga. Il sistema integrato aeroportuale regionale è una grande occasione per Salerno e per Napoli. Per Salerno significa essere trascinati nell'internazionalizzazione e dare respiro a tutto quello che facciamo in città. Napoli, di contro, ha bisogno di un secondo aeroporto, che può essere quello di Salerno. Si passerebbe da 7-8 milioni di passeggeri a 20 milioni complessivi nei prossimi dieci anni. Questo cambia tutto, cambia il destino di un territorio". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Costa Sud

De Luca ha anche dato appuntamento alla presentazione "di un nuovo pezzo d trasformazione urbana", in programma domattina, sabato 9 giugno. "Vi faremo vedere com'è venuto fuori dal nulla un pezzo di litoranea Costa Sud - ha aggiunto - Porteremo pure le palme... con calma, magari tra 30-40 anni, con i tempi italiani. Magari lì porterò a passeggio la mia nipotina". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Salerno non è turistica: ha solo la fortuna di essere tra 2 costiere", la amara denuncia di un lettore

  • Siano grida al miracolo, la Madonna "appare" in chiesa: parla il sindaco

  • Svuotava le slot machine con il trucco del "pesciolino": arrestato 19enne salernitano

  • Caso sospetto di Covid-19 a Salerno, medico del 118 in isolamento

  • Mare con schiuma gialla e meduse morte tra Pontecagnano e Battipaglia

  • Sole, mare e relax per il ministro Luigi Di Maio a Palinuro

Torna su
SalernoToday è in caricamento