"Piacere, sono Alex": Padre Zanotelli al San Demetrio risveglia le coscienze

Boom di presenze al primo incontro del cammino organizzato dalla parrocchia San Demetrio e dalla Fondazione Ambrosini

Un momento dell'incontro

"Piacere, Alex". Ha immediatamente rotto il ghiaccio, Padre Zanotelli che ha aperto  il cammino di formazione al mondo della solidarietà, del volontariato, del servizio  organizzato dalla Parrocchia di San Demetrio Martire in Salerno e dalla Fondazione Rachelina Ambrosini, questa sera, presso il cine-teatro San Demetrio.

Partendo dalla legislazione razzista che vige in Italia impedendo, ad esempio, ad una donna straniera di riconoscere il proprio bambino partorito in ospedale, passando per il problema rifiuti, e giungendo fino al suo cammino missioniario e all'incontro con Geremia, "gigante" incrociato in Kenya, a Korogocho, una delle baraccopoli che attorniano Nairobi, Padre Alex ha risvegliato la coscienza di tutti i presenti.

Proprio Geremia lo invitò nella discarica dove vivono in condizioni disumane innumerevoli persone. "Non andare, ti ammazzano: lì sono tutti criminali": avevano avvisato Padre Alex che ha risposto "Non sono venuto per i Santi". E il coraggioso sacerdote ha superato la paura, mantenendo fede alla sua promessa a Geremia e scoprendo una delle scene più agghiaccianti della sua vita. Occhi lucidi, tra il pubblico, quando Padre Alex ha raccontato di Florens ad 11 anni già prostituta, a 15 anni con l'Aids, e a 17 anni già morta.  "Dio è mamma- disse quella splendida ragazzina in punto di morte, dopo essere stata abbandonata anche dalla madre - Alex, sono io il volto di Dio".

"Il pianeta non sopporta più l'homo sapiens che è diventato homo demens - ha ribadito Alex - L'unica salvezza è cambiare stile di vita: meno prodotti globalizzati, più trasporto pubblico, meno acqua imbottigliata e più acqua del rubinetto, evitare l'inutile, basta con la plastica". Un messaggio toccante che è giunto dritto al cuore del pubblico, lasciando ad ognuno un prezioso seme da coltivare per smettere, tutti insieme, di sbagliare, non arrendendosi alle ingiustizie e continuando a sorprendersi dinanzi al Creato, con i suoi infiniti piccoli miracoli quotidiani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ringraziamenti a Padre Alex, dunque, dal parroco di San Demetrio, monsignor Mario Salerno e dall'avvocato Tommaso Ferri della Fondazione Ambrosini, mentre scroscianti applausi hanno salutato il tenace missionario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Richiamato per la mascherina abbassata, reagisce male: uomo bloccato a Salerno

  • Covid-19, sono 6 i nuovi casi positivi in Campania: 1 contagio ad Eboli

  • Covid-19: oggi solo lo 0,09% dei tamponi positivi, 2 nuovi contagi all'ospedale di Eboli

  • Covid-19, in lieve aumento i contagi nel salernitano: i dati provinciali

  • Covid-19, nuovo caso positivo a Battipaglia: l'appello della sindaca

  • Tragedia sul treno Piacenza-Salerno: tre campi di calcio intitolati a Ciro, Enzo, Peppe e Simone

Torna su
SalernoToday è in caricamento