Paestum, dal Grand Tour di Goethe alla visita di John Dos Passos

Sia la moda del Grand Tour, in voga tra i giovani rampolli della nobiltà europea tra 700 e 800, sia il moderno modo di fare turismo hanno spinto volti e nomi noti del panorama culturale nazionale e internazionale a girare tra le rovine di Paestum

Meta inevitabile di turismo per il suo patrimonio storico-artistico ancora intatto, Paestum non solo oggi ma da sempre ha rappresentato una tappa obbligata per chiunque avesse avuto il desiderio di conoscere da vicino la storia e l’eredità della Magna Grecia e le sue bellezze. 
Tra il 1700 e il 1800 c’era una cosa che ogni rampollo dell’aristocrazia europea non doveva farsi mancare per completare il proprio percorso educativo e di studi, ovvero partecipare al Grand Tour. Il famigerato e celebre viaggio di studi e conoscenze attraverso le meraviglie d’Europa, era una tappa obbligata per chiunque potesse permetterselo e, nello specifico, era un tassello necessario per poter essere classificato come un giovane acculturato e di larghe vedute. Ecco dunque che le bellezze italiane diventano improvvisamente mete irresistibili per i nobili europei che da tutta Europa scendono in Italia per ottemperare al loro dovere morale e scolastico di vedere da vicino certe opere. Un viaggio che li porta necessariamente a fermarsi anche in Campania: dopo le tappe di rito nella provincia di Napoli, i rampolli sceglievano Paestum quale meta del loro tour, e come dar loro torto dato che proprio qui potevano ammirare dei templi dorici sopravvissuti a ogni epoca, e che tutt’oggi continuano a ergersi incuranti del tempo che passa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coinvolto in questa moda del Grand Tour è stato anche Johan Wolfgang von Goethe tra il 1786 e il 1788, che rimase talmente colpito da questo viaggio in Italia da scriverne un libro in cui non dimentica di citare le meraviglie ammirate a Paestum insieme a Christoph Heinrich Kniep, che per lui ha eseguito per l’occasione diversi disegni. Il poeta e drammaturgo tedesco, però, non è stato l’unico autore famoso a essere rimasto impressionato dal paesaggio della Piana del Sele: qualche secolo più tardi, e precisamente nel 1918, anche lo scrittore di “Manhattan Transfer” è arrivato in Campania sfruttando una licenza durante la Grande Guerra. John Dos Passos, infatti, sbarca a Paestum quando ancora sulla Piana le bombe non venivano sganciate, ed è riuscito a godersi insieme agli amici commilitoni la misteriosa atmosfera che aleggiava intorno alle rovine di Paestum, respirando finalmente un’aria che non sapesse di morte e di devastazione, ma piuttosto di speranza in un futuro in cui quei templi dorici avrebbero potuto ergersi ancora intatti in tutta la loro magnificenza. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapertura dei ristoranti in Campania: la Regione pubblica il video

  • Giù dal quinto piano di casa, dramma a Nocera: muore ragazzo di 16 anni

  • Richiamato per la mascherina abbassata, reagisce male: uomo bloccato a Salerno

  • Pastena, palpeggiata nelle parti intime mentre torna a casa: indagini in corso

  • Fiume Sele: dopo il lockdown, un'esplosione di colori e biodiversità

  • Rissa in pieno centro a Pontecagnano: un giovane in ospedale

Torna su
SalernoToday è in caricamento