Pagani, vede i carabinieri e fugge: in tasca aveva crack e cocaina

È stato arrestato e successivamente rimesso in libertà con l’obbligo di firma dopo l’udienza di convalida il paganese A.B. , ventiquattrenne, accusato di detenzione al fine di spaccio di sostanze stupefacenti. Si trovava fuori ad un circolo

È stato arrestato e successivamente rimesso in libertà con l’obbligo di firma dopo l’udienza di convalida il paganese A.B. , ventiquattrenne, accusato di detenzione al fine di spaccio di sostanze stupefacenti. Il giovane, difeso dal legale Giovanni Pentangelo, è stato trovato in possesso di una partita di crack. Erano da poco trascorse le due della notte tra il 4 e il 5 novembre ed i carabinieri erano di pattuglia nel cuore della Lamia, in via Matteotti. Il luogo di controllo era un circolo ritenuto dagli inquirenti piazza di spaccio. Con il 24enne c'erano altre due persone. Ma alla vista dell'auto, il giovane è scappato verso l’interno del cortile "Casa Pepe": invece di andare verso casa, è però sgattaiolato altrove, risalendo una rampa di scale. Mentre saliva, i carabinieri lo hanno notato che lasciava cadere a terra un ritaglio di cellophane e un contenitore per rullini fotografici. Il gesto non è sfuggito ai militari, che lo hanno recuperato per trovarci all’interno ventotto involucri di cellophane confezionati singolarmente, con estremità termosaldata, contenenti altrettante dosi di crack, per cinque grammi di peso complessivamente, e altri due grammi totali suddivisi in sedici involucri diversi, sempre ben sigillati col cellophane, contenenti cocaina. Due tipi di droga molto diffuse in quella piazza di spaccio, interna al centro storico cittadino. Lo testimoniano, a riguardo, diverse indagini svolte dal Nucleo Operativo dei carabinieri. Un flusso di venditori e sentinelle presenti per avvertire e propiziare fuga e occultamento dell’illecito. Un'indagine che dura da oramai circa un anno e mezzo, con decine di singole operazioni di polizia dedicate contro il diffuso “sistema”. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente a Baronissi: morto un 21enne, un arresto per guida in stato di ebbrezza

  • Agropoli, rubata la salma di Pasquale Picariello: familiari sotto choc

  • Incidente mortale a Baronissi, il ragazzo che guidava interrogato dal gip: "Non ricordo nulla"

  • Via Pietro del Pezzo: rissa in pizzeria, intervengono i carabinieri

  • Delitto di Baronissi, l'imputato "cosciente ma con disturbi della personalità"

  • Droga tra Agro e Irno, 14 arresti: uno dei fornitori vicino al clan Fezza - D'Auria

Torna su
SalernoToday è in caricamento