Pagani, morì per un'infezione alla gamba: archiviata indagine per 5 medici

Il gip, nell'accogliere il contenuto della perizia della procura, oltre che la richiesta, ha ravvisato che tutti i sanitari agirono correttamente, con le giuste terapie ed operazioni, non ravvisando nei loro riguardi condotte colpose

Il tribunale archivia l'inchiesta per cinque medici, tra gli ospedali di Nocera e Sarno, indagati per il decesso di F.A. , 47enne di Pagani deceduto all'ospedale di Sarno, nell'agosto del 2018. Il gip, nell'accogliere il contenuto della perizia della procura, oltre che la richiesta, ha ravvisato che tutti i sanitari agirono correttamente, con le giuste terapie ed operazioni, non ravvisando nei loro riguardi condotte colpose. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La storia

I problemi per il paziente cominciarono il 9 agosto dello stesso anno, con dolori alla schiena ed un antidolorifico somministrato, in casa, per alleviare il dolore. Poco dopo, l'uomo lamentò nuovi dolori ed un gonfiore su una parte del corpo. Il primo soccorso lo operarono i medici del pronto soccorso dell’ospedale Umberto I di Nocera Inferiore, con la diagnosi di un acesso e la prescrizione di un antinfiammatorio da assumere per tre giorni. L'uomo fu però costretto a tornare in ospedale, perchè il dolore non era diminuito. Il personale medico decise dunque per un'operazione chirurgica, finalizzato alla rimozione del pus, così da risolvere definitivamente il problema. Nei giorni successivi le condizioni di F.A. peggiorarono, con due nuove visite in ospedale, a Nocera, e poi anche a Sarno. L'infezione si propagò poi, nonostante un nuovo intervento dei medici, fino al decesso. La procura aveva avanzato richiesta di archiviazione, trovando l'opposizione della famiglia, con tanto di memorie difensive. Alla fine della camera di consiglio, il gip ha deciso per l'archiviazione, in ragione del corretto intervento di tutti i medici intervenuti, che nulla poterono contro l'improvviso peggioramento del paziente, già debilitato - come evidenzia il decreto - per una patologia pregressa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, ad Avellino spunta anche il virus di "Festa": il sindaco tra gli assembramenti incita la movida contro Salerno

  • Covid-19, altri 4 casi positivi in Campania: due sono a Cava de' Tirreni

  • Assembramenti e cori contro Salerno, Selvaggia Lucarelli: "Ad Avellino i lanciafiamme di De Luca"

  • Va in Brasile per far visita alla figlia e non riesce più a tornare: l'appello di un salernitano alle istituzioni

  • De Luca ospite di Gramellini su Rai 3: dalla Campania sicura, ai "raddrizzatori di banane"

  • Incidente a Pontecagnano, morte cerebrale per il 37enne

Torna su
SalernoToday è in caricamento