Pagani, molestie "sessuali" a due sue allieve: condannato maestro di musica

La condanna a 4 anni e 6 mesi di reclusione. Mai approcci fisici, ma messaggi dal contenuto equivoco e spinto, sono stati gli elementi che hanno spinto i giudici a condannarlo per il reato di violenza sessuale

Messaggi dal contenuto erotico, inviati in maniera insistente e per più giorni, a due sue allieve di 11 anni. Per il reato di violenza sessuale (mai consumata ma concretizzatasi nella condotta secondo orientamenti giuridici) è stato condannato a 4 anni e 6 mesi di carcere un insegnante di musica popolare di Pagani. L’imputato, di 62 anni, era difeso dal legale Antonello Coppola. Prima che i giudici si riunissero in camera di consiglio, l’uomo aveva deciso di rilasciare una breve ma spontanea dichiarazione: «Ho sbagliato e me ne sono reso conto, ma non ho mai tentato di avvicinare fisicamente le due bambine». L’indagine era partita dopo la denuncia sporta dalla madre di una delle due vittime. Mamma e figlia si erano confidate, condividendo assieme la lettura di quei messaggi. Toccò poi ai carabinieri acquisirne circa un centinaio: parole che le due avevano scambiato con il loro maestro, tra sms e What’s App.

L'indagine

I fatti risalgono all’estate 2016, precisamente dal 10 al 26 luglio. Nella fase investigativa sia procura che Gip concordarono su di «un’intensa e sistematica attività di subdola persuasione e di pressione psicologica» che l’indagato avrebbe esercitato verso le due minori. In dibattimento sono giunte poi, durante le varie udienze, le conferme. Mai nessuna violenza fisica, ma approcci spinti ed espliciti. La prima ragazzina riferì anche di aver avuto la percezione che l’uomo avesse tentato di baciarla, dandole il classico bacio da guancia a guancia. La seconda, invece, negò qualsiasi approccio fisico, confermando però l’invio di messaggi contenenti riferimenti di tipo sessuale. In alcuni di questi, il 62enne avrebbe minacciato di uccidersi se le allieve non lo avessero preso in considerazione. O di nutrire gelosia verso un’amicizia tra una delle due vittime ed un ragazzino. L’uomo fu arrestato a gennaio 2017, con il Gip a firmare un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari.

L'arresto e il processo

Le due allieve, che studiavano musica popolare insieme ad un altro gruppo di ragazzi tutti facenti parte della stessa associazione, furono ascoltate dai consulenti nominati dal tribunale ed esperti nel settore minorile. E pur tra qualche smentita e tentennamento, raccontarono quanto già i carabinieri avevano inserito nell’informativa. Per la procura le prove furono ritenute evidenti, tanto da chiedere per l’imputato il giudizio immediato. Per meglio comprendere le motivazioni dei giudici bisognerà attendere 45 giorni, tempo di deposito della sentenza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con l'auto in litoranea a Pontecagnano: muore 47enne

  • Striscia la Notizia a Salerno: pazienti oncologici rinunciano agli esami per il blocco delle convenzioni

  • Festa dell'Immacolata: non c'è il pienone in Campania, l'allarme dell'Abbac

  • Piazza della Libertà, i lavori saranno completati dalla "Rcm" di Rainone

  • “Si è spento serenamente”, ma l'uomo è vivo: Sarno tappezzata di "falsi" manifesti

  • La banda dell'Audi: è caccia ai ladri che svaligiano case di Salerno e provincia

Torna su
SalernoToday è in caricamento