Pagani, aveva 15 chili di marijuana in garage: arrestato

La scoperta l’hanno fatta i carabinieri della tenenza di Pagani, che hanno arrestato e trasferito nel carcere di Fuorni A.V. , 40enne con precedenti specifici

Quindici chili di marijuana sequestrati in un garage, ancora chiusi in busta, acquistati poco prima da qualche paese del vesuviano. La scoperta l’hanno fatta i carabinieri della tenenza di Pagani, che hanno arrestato e trasferito nel carcere di Fuorni A.V. , 40enne con precedenti specifici. E’ a lui che i carabinieri hanno attribuito quanto scoperto in via Nazionale, in un garage di sua pertinenza. Un normale controllo, con tanto di perquisizione personale, aveva portato i militari a trovare qualche grammo di marijuana nelle tasche dell’uomo. Nulla a cospetto di quanto avrebbero poi sequestrato poco dopo, con una perquisizione domiciliare. L’arresto di A.V. , che ha precedenti recenti per droga, conferma ciò che anche gli inquirenti hanno riscontrato nella città di Pagani: lo spaccio viene gestito da teste indipendenti senza una reale egemonia che prevalga sull’altra.

Le piazze di spaccio senza concorrenza

Lo dimostrano i tanti arresti eseguiti dalla fine del 2017 ad oggi, con persone finite nel mirino dei carabinieri, provenienti spesso da zone diverse. Le piazze di spaccio restano le stesse, ma i vecchi signori della droga non sono più in circolazione. Ora ognuno cura i propri affari, senza entrare in contrasto con la concorrenza. Qualche giorno prima, un ragazzo incensurato di 25 anni era stato arrestato all’esterno del cinema con in tasca 100 grammi di cocaina. Un quantitativo enorme per un soggetto senza precedenti. Per lui è scattato il divieto di dimora in provincia di Salerno. Pagani resta il fulcro dello spaccio di droga: le due inchieste fatte nella vicina Nocera Inferiore hanno dimostrato come alcuni giovanissimi pusher mantenessero un contatto con riferimenti nella città di Sant’Alfonso. Senza dimenticare, poi, i 13 chili di hashish che un marocchino dal Nord stava portando nell’Agro, a Pagani appunto. Non ci sono più gli esponenti dei clan di camorra in città e questo, per i carabinieri, ha permesso che lo spaccio si allargasse anche a soggetti meno esperti. Il sequestro di quindici chili di marijuana conferma che la domanda è ancora forte, così come i gruppi che si riorganizzano per far fruttare lo spaccio nelle piazze di riferimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I clan attivi in provincia di Salerno: nuova relazione dell'Antimafia

  • Sta per aprire "Mizzica": degustazioni siciliane nel centro di Salerno

  • Dramma a Cava, giovane precipita dal balcone e muore

  • Suicidio a Campagna, 31enne si toglie la vita: comunità a lutto

  • Chiudono le edicole, parlano i giornalai: "Con 800 euro non si può vivere"

  • Arancini, crocche e specialità siciliane: inaugurata "Mizzica" a Salerno

Torna su
SalernoToday è in caricamento