homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Presentata a Milano "Panorama d'Italia 2016": tappa in Costiera Amalfitana

Nella conferenza stampa di oggi il direttore del settimanale Giorgio Mulè ha avuto modo di presentare l'intero programma della manifestazione, che inizierà ufficialmente il prossimo 30 marzo

Un momento della conferenza stampa

E’ stata illustrata questa mattina a Milano l’iniziativa "Panorama d’Italia 2016”, il tour che il settimanale della Mondadori condurrà anche quest’anno, per la terza edizione, in dieci città d’Italia, con una tappa itinerante in Costiera Amalfitana. Il programma particolareggiato della “4 giorni” di Panorama d’Italia in Costiera Amalfitana, che avrà luogo dal 7 al 10 settembre, sarà pubblicato sul numero (e sul sito) di Panorama in edicola dall’1 settembre. Nella conferenza stampa di oggi il direttore del settimanale Giorgio Mulè ha avuto modo di presentare l’intero programma della manifestazione, che inizierà ufficialmente il prossimo 30 marzo. Alle spalle l’esperienza di una formula rodata, tra talk show, dibattiti con i protagonisti della politica nazionale, convegni, spettacoli: solo lo scorso anno sono state 4 milioni le persone raggiunte con ogni mezzo dal tour. Il pubblico intervenuto direttamente agli appuntamenti nelle città è stato di 110 mila persone, con 375 tra ospiti e relatori (tra cui anche 6 ministri, 8 presidenti di Regione e 8 sindaci), 500 media mobilitati, 191 imprenditori nelle tavole rotonde con il coinvolgimento di 600 aziende, tra cui anche 180 start-up innovative, 15 università e 37 sponsor complessivi

A rappresentare la Divina c’era il sindaco di Ravello Paolo Vuilleumier: “Ravello è un modello per l’arte dell’accoglienza e per le proposte culturali, amata da viaggiatori di ogni tempo, dai romani agli arabi, da Boccaccio a Wagner, da Bernstein a Vidal, da Jacqueline Kennedy a Steve Jobs. Ozio creativo e mondanità, si fondono in un territorio che ha puntato su un turismo consapevole e colto per non perdere la propria identità e preservare un genius loci votato a celebrare la qualità della vita”. Assente, invece, il primo cittadino di Salerno Enzo Napoli che, comunque, ha mandato un messaggio di augurio: “Per realizzare a pieno la nostra storica vocazione all’accoglienza abbiamo dato vita, negli ultimi venti anni, ad uno straordinario programma di riqualificazione urbanistica, sociale ed economica del territorio, che ci ha permesso di ottenere importanti primati nazionali ed internazionali. Salerno è una città sicura ed accogliente” 
 
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Politica

      Battipaglia: proclamata la giunta comunale, la Francese non si ferma

    • Cronaca

      Violenza sessuale a San Valentino Torio, i 5 minori in carcere a Nisida

    • Cronaca

      Fonderie Pisano, due interventi ad opponendum contro il ricorso Aia

    • Cronaca

      Operatore per le pulizie minaccia il suicidio all'università di Fisciano

    I più letti della settimana

    • Ragazza violentata, lo sfogo della madre: "Ecco cosa le hanno fatto"

    • Stupro a San Valentino Torio, la vittima: "Mi sono fidata di un mostro"

    • Colto da malore in auto: muore a 42 anni il figlio di Raimondo Pasquino

    • Giro di nomine nelle chiese salernitane: ecco i nuovi parroci

    • Dramma a Torrione, trovato il cadavere di un 41enne in mare

    • Ragazzina violentata dal branco a San Valentino Torio: arrestati cinque minori

    Torna su
    SalernoToday è in caricamento