Papa Francesco: Quaresima d’essenziale contro Satana

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Costruire la vita sull' essenziale, il commento del Papa all'Angelus del 9 Marzo 2014, ricordando le tentazioni di Gesù nel deserto. Non "dialogare" mai con Satana, astuto seduttore", bensì difendersi dalle tentazioni con la "Parola di Dio". Il riferimento esplicito al maligno, senza mezze misure, nel solco di quella povertà che Bergoglio incarna fin dalle prime battute del suo mandato. Nell'ottica dell'astinenza dal troppo e del digiuno dall'inutile, il significato quaresimale, che prepara al mistero della Resurrezione. Nel momento in cui sembra quasi anacronistico parlare di satana, la pagina evangelica ricorda il principe delle tenebre, in agguato per corrompere le anime. Non più una mentalità medievale, quella che presente anche nelle pitture di molti edifici sacri, ritraeva la lotta tra il bene ed il male, bensì una realtà che il cristiano deve fronteggiare, sapendo che solo con grazia di Dio e sacramenti, si debella l'astuto tentatore!
 

Torna su
SalernoToday è in caricamento