venerdì, 22 agosto 19℃

Monte San Giacomo, il comune dichiara guerra al pascolo abusivo

I volontari del locale nucleo di protezione civile, su disposizione del sindaco Raffaele Accetta, hanno rimosso numerose recinzioni abusive in varie zone del territorio comunale. Le operazioni proseguiranno nei prossimi giorni

Redazione 6 aprile 2012

Guerra al pascolo abusivo degli animali e agli allevatori che avevano abusivamente recintato aree demaniali: è quanto ha disposto l'amministrazione comunale di Monte San Giacomo. I volontari del locale nucleo di protezione civile, su disposizione del sindaco Raffaele Accetta, hanno provveduto alla rimozione di alcune recinzioni abusive che erano state installate nelle zone di Comparchio, Cammineo, Pietra del Cavallo e Impostarizzi.

Annuncio promozionale

Le operazioni di rimozione forzata, che avvengono alla presenza alla presenza degli agenti della guardia forestale del comando stazione di Teggiano, dei carabinieri di Sassano e della polizia municipale, proseguiranno anche nei prossimi giorni. Nei giorni scorsi gli allevatori, con una specifica nota, si apprende dall'ANSA, erano stati invitati dal comune sia a rimuovere le recinzioni installate senza autorizzazione sia ad evitare l'esercizio del pascolo in luoghi non autorizzati e lo sconfinamento in proprietà pubbliche e private senza preventiva autorizzazione.

Raffaele Accetta
Monte San Giacomo
abusivi
sanzioni
territorio

Commenti