Per non dimenticare...Pino Paladino

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

L'Avv. Pino Paladino è morto da eroe in una mattina d'agosto per salvare la vita a due bagnanti in difficoltà nelle acque di Palinuro.

L'11 agosto si consumò questa tragedia che sconvolse un'intera comunità.

Quando appresi la notizia, pur non conoscendo personalmente l'Avv. Paladino, pensai che quest'uomo avrebbe meritato una onoreficenza da parte dello Stato che riconosce ai propri figli meritevoli per gesti compiuti con altissimo senso di virtù civica.

Non ho esitato allora, durante i funerali, di palesare questa intenzione in accordo con i cittadini del Movimento 5 Stelle di Sala Consilina che confermavano l'assoluto senso di altruismo già dimostrato da Pino Paladino nel corso della sua vita.

Dopo che i riflettori mediatici si spengono intorno a vicende come questa, sembra che tutte le parole dette svaniscano e i loro contenuti si svuotino.

Oggi vorrei che la famiglia di Pino sentisse che lo Stato le è vicina.

Il 3 settembre ho presentato la richiesta al Ministero degli Interni, così come previsto dall'Art. 3 del D.P.R. 1616 del 6 novembre 1960; la stessa l'ho inoltrata, quindi, al Prefetto di Salerno, ai Sindaci dei Comuni di Centola e Sala Consilina.

Ora attendiamo la nomina della Commissione con decreto Presidenziale, su proposta del Ministro per l'interno, che esaminerà il merito dell'azione compiuta e darà il suo parere sulla ricompensa da concedere.

Vorrei personalmente ringraziare il Sindaco del Comune di Centola e la Giunta che ha deliberato in date 28 agosto in merito alla proposta di ricompensa.

On Silvia Giordano

Torna su
SalernoToday è in caricamento