mercoledì, 17 dicembre -4℃

Agro nocerino sarnese, sequestrate 2 tonnellate di pesce senza etichetta

Lo ha reso noto a mezzo comunicato stampa la guardia di finanza: i sequestri sono avvenuti in tre esercizi a Nocera Inferiore e in due esercizi a Scafati. Cinque persone segnalate alle autorità competenti

Redazione 30 dicembre 2011

E' ci circa 1800 chilogrammi di pesce sequestrato il bilancio dei controlli effettuati dagli uomini della guardia di finanza della sezione operativa navale di Salerno, coordinati dal reparto operativo navale di Napoli, nell'ambito del contrasto alla commercializzazione di prodotti ittici potenzialmente pericolosi per la salute dei consumatori.

NOCERA INFERIORE - In due pescherie sono stati trovati prodotti ittici congelati dagli stessi proprietari, pronti ad essere venduti nel periodo natalizio come pesce fresco. I responsabili, G. A. 49 anni e R.C. 36 anni, entrambi originari di Nocera Inferiore, sono stati segnalati all'autorità sanitaria per aver violato le norme vigenti in materia di etichettatura e tracciabilità dei prodotti.

Sempre a Nocera Inferiore, in un'altra pescheria, sono stati trovati prodotti ittici di dubbia provenienza ed in cattivo stato di conservazione con incipiente stato di putrefazione, pronti ad essere venduti nel periodo natalizio come pesce fresco. Il proprietario dell'esercizio, M. A., 39 anni, di Nocera Inferiore, è stato segnalato all'autorità giudiziaria per i reati di adulterazione e contraffazione di sostanze alimentari, detenzione e commercializzazione di sostanze alimentari nocive.

SCAFATI - I militari della guardia di finanza hanno rinvenuto, in due esercizi commerciali, complessivi 690 chilogrammi di prodotti ittici senza la certificazione di provenienza ed in parte in cattivo stato di conservazione. Ai responsabili, A. G. 47 anni e F. D. 33 anni, entrambi originari di Torre Annunziata (Napoli), è stata comminata una sanzione amministrativa e il primo è stato anche denunciato.

Annuncio promozionale

Nel complesso i finanzieri hanno elevato sanzioni amministrative per 3500 Euro. Il pesce sequestrato è stato avviato a disintegrazione presso una ditta specializzata, a carico dei responsabili. Alle operazioni ha preso parte personale dell'Asl.

Nocera Inferiore
denunce
sequestri
settore alimentare

Commenti