Tre firme per salvare La Mennola, al via la petizione di "Crederci"

Le tre petizioni popolari volte alla salvaguardia e al miglioramento della zona, sono state organizzate dai militanti di Tradizione Futuro e dal Laboratorio politico #Crederci

via Calenda

Tre petizioni popolari per il miglioramento delle condizioni di via Calenda, sono state organizzate dai militanti di Tradizione Futuro e dal laboratorio politico #Crederci. Al via, da domani, alle ore 19, la raccolta firme che proseguirà per tutti i martedì dalle ore 19 alle ore 21, ed ogni mercoledì e venerdì dalle ore 18 alle ore  20, presso la sede di Tradizione Futuro, in via Calenda.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli obiettivi dell'iniziativa, dunque,  l'ottenere il rifacimento del manto stradale "ormai ridotto da anni ai minimi termini, in piena inosservanza dei requisiti minimi necessari per la sicurezza", come sottolineano i promotori dell'iniziativa. Inoltre, la petizione è finalizzata al ripristino di un’ulteriore linea Cstp "utile a garantire un adeguato collegamento tra il quartiere e le altre zone", ed infine all'installazione di un sistema di video sorveglianza in via Cavallo, per una maggiore sicurezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 27 nuovi contagi in Campania: il bollettino

  • Muore folgorata in casa, la difesa dell'elettricista: "Indagate tutti i familiari"

  • Sorpresa in Costiera, "Fratacchione" Fazio in vacanza ad Amalfi

  • "Non mi dai da bere? Ti accoltello": un arresto a Torrione, beccato anche uno spacciatore

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, i dati del bollettino

  • Incidente mortale nella notte, Cava: giovane centauro perde la vita

Torna su
SalernoToday è in caricamento