Confindustria, il presidente Boccia: "Futuro delle imprese fatto da conoscenza e lavoro"

L'intervento a margine dell'inaugurazione dell'Hub di Formamentis Group a Pontecagnano. Un pensiero poi sull'aeroporto: "Attrae ricchezza e turisti, va fatto"

"Il futuro e' fatto da quattro fattori di produzione: capitale, lavoro, conoscenza e informazione. Lavoro, conoscenza e informazione sono le sfide del Paese". Parlando delle competenze come "la vera sfida del futuro", lo sottolinea il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, a margine dell'inaugurazione dell'Hub di Formamentis Group a Pontecagnano. "Una struttura come questa che forma persone - aggiunge il leader degli industriali - e' un elemento essenziale per il futuro dell'industria italiana e delle imprese italiane in cui accettare una sfida, in particolare, molto bella, che viene dal Mezzogiorno, da Pontecagnano, da Salerno".

"Aeroporto? Prima si fa, meglio è"

Nel corso del suo intervento, ricordando una dichiarazione del patron di Formamentis, Pino Melara, che evidenziava come l'azienda era in grado di offrire al termine del percorso di formazione una proposta di lavoro che definiva "di cittadinanza", Boccia chiarisce: "Non lo chiamerei reddito di cittadinanza, perche' il vostro e' lavoro di cittadinanza. Si va ad esprimere al giovane il fatto che trova un lavoro; grazie al lavoro trova un reddito". Il presidente di Confindustria aggiunge che "siamo talmente abituati alle difficolta' del Paese, facendo dell'Italia la seconda manifattura d'Europa, che se rimuovessimo i vincoli che abbiamo potremmo diventare la prima industria al mondo. Allora, Dio che esiste, ha detto siccome questi sono troppo bravi mettiamoci pure a quegli altri in modo tale che calmieriamo altrimenti diventano i primi al mondo". Quanto al futuro dell'aeroporto di Salerno - Costa d'Amalfi, Boccia ribadisce che "prima si fa, meglio e'". E spiega: "Gli aeroporti servono per fare in modo che le merci dell'industria salernitana, della filiera agroalimentare vadano nel mondo e che accolgano turisti, avendo due costiere stupende, quella cilentana e quella amalfitana. Attrarre turisti e' una sfida che comporta ricchezza, speriamo che si faccia quanto prima. La dimensione della sensibilita' temporale e' determinante nel nostro Paese". E alla domanda della imminente scadenza del 30 aprile data dal M5S perche' la situazione si sblocchi, conclude rispondendo "Noi ci fidiamo di loro"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Sant'Egidio, donna muore folgorata nella doccia

  • Colto da malore mentre l'amico fa benzina: muore 30enne a San Mango Piemonte

  • Morto investito da un treno, la sorella: "Vorrei abbracciare chi ha avuto il cuore di mio fratello"

  • Paura nel Golfo di Policastro, registrate quattro scosse di terremoto in mare

  • Suicidio a Salerno, uomo trovato morto in strada: si indaga

  • Incidente a Cassino, grave don Antonio Agovino di Sarno: i fedeli si riuniscono in preghiera

Torna su
SalernoToday è in caricamento