Recapito a giorni alterni, vertice in Prefettura: l'appello dei sindacati

Nel corso del vertice, i rappresentanti sindacali hanno segnalato l’avvenuta soppressione di 8 zone recapito – presso le sedi di Contursi Termi e Polla – che ha comportato un elevato accumulo di corrispondenza da consegnare

Denunciano il “recapito a giorni alterni” da parte di Poste Italiane, Cisal e Failp Cisal. La questione è approdata in Prefettura qualche giorno fa: nel corso del vertice, i rappresentanti sindacali hanno segnalato l’avvenuta soppressione di 8 zone recapito – presso le sedi di Contursi Termi e Polla – che ha comportato un elevato accumulo di corrispondenza da consegnare.

I disagi

Giovanni Giudice e Francesco Grillo, segretari, rispettivamente, di Cisal e Failp Cisal, hanno evidenziato come tra le cause dei ritardi vi sia la carenza di auto, peraltro in un comprensorio molto esteso, a disposizione del personale addetto alla consegna della posta. Difficoltà, queste, segnalate anche dai sindaci di Contursi Terme e Polla, presenti alla riunione. Sia organizzazioni sindacali che amministratori locali hanno rappresentato la necessità che Poste Italiane potenzi il parco macchine in dotazione ai dipendenti, al fine di consentire anche l’eliminazione della giacenza di posta nei centri di raccolta. Nel corso dell’incontro, inoltre, è stato ricordato che il centro di Contursi Terme è, da tempo, carente del responsabile.

Parla il responsabile confederale della Cisal, Giovanni Giudice

"Abbiamo rappresentato tutte le carenze del servizio, particolarmente deficitario nei comuni di Contursi e Polla e in quelli del circondario. Insufficienze che si ripercuotono tanto sui lavoratori della Poste quanto sulla cittadinanza che, per settimane, non riceve la propria corrispondenza. Ora la palla passa a Poste Italiane che è l’unica a poter risolvere concretamente i problemi segnalati. Il “recapito a giorni alterni” non è certo un progetto negativo ma bisogna, prima di avviare queste sperimentazioni, tenere in considerazione le caratteristiche e le esigenze dei territori che si intende coinvolgere. In questo caso, forse, si è proceduto in maniera non troppo attenta e i risultati sono stati più che deludenti, oltre che dannosi. L’auspicio è che presto si possa rimediare e ripristinare la regolarità di un fondamentale servizio pubblico".
 

  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi concorso Regione Campania: ecco gli idonei alla prima fase

  • Travolto da un treno ad Angri: Tobia è morto, Agro a lutto

  • Dramma alla Cittadella: medico stroncato da un infarto, inutili i soccorsi

  • Travolta da un bus mentre attraversa la strada a Milano: grave maestra salernitana

  • Paura a Salerno, le onde invadono la spiaggia di Santa Teresa

  • Incidente in litoranea ad Eboli, auto investe una donna: è morta

Torna su
SalernoToday è in caricamento