Fermato l'uomo che ha massacrato il cane a Pastena, l'appello: "Deve darci gli altri animali"

Gli animalisti di Salerno e provincia si sono dati appuntamento a domenica mattina per presidiare l'abitazione di A.F. che ha ucciso un cagnolino

"Deve darci gli altri animali in suo possesso!": questo l'urlo degli animalisti salernitani che, domenica, dalle 9, presidieranno la casa di A.F., il 59enne che ha ucciso, con calci e una violenza inaudita, un cagnolino (vedi foto in basso ndr), nel parcheggio di via Flacco, a Pastena.

Dopo intense ore di indagini e ricerche è stato fermato questa mattina, dagli agenti della polizia municipale di Salerno, grazie anche ad un video registrato da alcuni passanti e alla collaborazione degli animalisti. L'uomo è stato interrogato presso il comando di via Dei Carrari. Ma intanto sul web non si placa l'ira dei volontari impegnati a difendere gli amici di zampa che intendono farsi consegnare dall'uomo tutti gli altri animali di cui, secondo indiscrezioni, sarebbe in possesso.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Spari ad un culturista: quegli insulti pubblicati su una pagina Facebook

    • Cronaca

      Sub morti a Palinuro: riprendono le immersioni dei vigili del fuoco nella Grotta della Scaletta

    • Cronaca

      Muore dopo una doppia operazione: quattro medici indagati per omicidio colposo

    • Cronaca

      Sorpresi a rubare in un cantiere edile a Sordina: arrestati due ladri

    I più letti della settimana

    • Sparatoria fuori ad un bar a Pagani: arrestato l'autore

    • Maxi incidente a Nocera Inferiore, tre veicoli coinvolti: cinque feriti

    • Mario Balotelli in Costiera Amafitana: cena con amici in un famoso ristorante

    • Dramma a Nocera Inferiore, 56enne si toglie la vita

    • Lacrime e dolore ai funerali dello studente morto all'Unisa: il ricordo del parroco

    • Ragazza si getta in mare e si lascia affogare a Santa Teresa: salvata da un passante

    Torna su
    SalernoToday è in caricamento