Commozione e preghiere per la festa della Madonna del Carmine, tra applausi e fuochi artificiali

Dopo la messa mattutina celebrata dal nuovo arcivescovo, monsignor Andrea Bellandi che ha affidato il suo mandato alla Vergine, momenti toccanti e raccolti ci sono stati di sera, quando, alle 19, è partito il corteo

Foto di Antonio Capuano

Commozione, applausi e preghiere, martedì sera, in occasione della processione della Madonna del Carmine, a Salerno. Dopo la messa mattutina celebrata dal nuovo arcivescovo, monsignor Andrea Bellandi che ha affidato il suo mandato alla Vergine, momenti toccanti e raccolti ci sono stati di sera, quando, alle 19, è partito il corteo religioso che ha percorso le strade del Carmine e del rione Vestuti, per poi ricondurre la statua della Madonna al Santuario.

Da un fiore bianco, segno della purezza, sembrava sbocciare la statua della Vergine issata dai portatori, con gli addobbi del maestro fiorista Enzo Cibelli, supportato dal fratello Antonio e dal nipote Francesco Rocco. Grandi e piccini, dunque, percorrendo le strade del quartiere, hanno rivolto le loro intenzioni alla Madonna del Carmelo, tra coperte pregiate stese lungo i balconi, come da tradizione, petali di rose e, infine, fuochi artificiali, come a voler illuminare il cielo cittadino di speranze e gioie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi concorso Regione Campania: ecco gli idonei alla prima fase

  • Travolto da un treno ad Angri: Tobia è morto, Agro a lutto

  • Dramma alla Cittadella: medico stroncato da un infarto, inutili i soccorsi

  • Travolta da un bus mentre attraversa la strada a Milano: grave maestra salernitana

  • Paura a Salerno, le onde invadono la spiaggia di Santa Teresa

  • Incidente in litoranea ad Eboli, auto investe una donna: è morta

Torna su
SalernoToday è in caricamento