Protesta operai idraulico forestali Flai Cgil a Fisciano

I lavoratori della comunità montana Irno - Monti Picentini non percepiscono lo stipendio "da sedici mesi" e sono scesi in strada chiedendo l'intervento del presidente Stefano Caldoro

Un momento della protesta (foto Flai Cgil)

Si è sciolto il presidio allo svincolo di Fisciano, a Salerno, in direzione Nord sul raccordo autostradale Salerno - Avellino, occupato da questa mattina da oltre 400 operai idraulico-forestali della comunità montana dell'Irno- Picentini che stavano protestando perché senza stipendio da sedici mesi. "Abbiamo appena concluso - spiega Giovanna Basile, segretaria generale Flai Cgil Salerno - un incontro con il prefetto di Salerno, Gerarda Maria Pantalone, per spiegare la drammatica situazione che vivono questi lavoratori. Il prefetto si è preso l'impegno di contattare questo pomeriggio il presidente della regione Campania Stefano Caldoro affinché sblocchi i fondi che giacciono in ragioneria. Il prefetto, inoltre, ci ha assicurato che chiederà un incontro al governatore per discutere ad ampio raggio della questione di questa categoria di lavoratori. Per ora sappiamo solo che gli operai sono diffidenti e non basta più fare promesse".

In mattinata aveva avuto luogo una protesta nei pressi del raccordo autostradale Salerno - Avellino degli operai della comunità montana Irno - Monti Picentini: in 400, questa mattina, hanno bloccato lo svincolo "Fisciano - Università" del raccordo, per sottolineare il disagio dei lavoratori del settore. "Sono ormai sedici mesi - spiega Michele Rinaldi, uno dei lavoratori - che non percepiamo lo stipendio. E' una situazione vergognosa. Non abbiamo più la luce nelle case e molti di noi hanno ricevuto lo sfratto. Siamo al collasso, noi e le nostre famiglie".

"La comunità montana maggiormente colpita - aggiunge Giovanna Basile, segretaria generale Flai Cgil Salerno presente sul posto - è quella dell'Irno-Picentini, ma ci hanno raggiunto anche delegazioni di altre comunità per manifestare la loro vicinanza al problema, sentito comunque da tutti". Sul posto anche gli agenti di polizia. Secondo quanto riferiscono alcuni lavoratori ci sarebbero stati momenti di forte tensione e due manifestanti sarebbero stati costretti alle cure mediche. "Sappiamo - dice Carlo Ceccarelli, un altro dei lavoratori - che le forze dell'ordine fanno il loro lavoro, ma noi vogliamo solo dimostrare pacificamente il nostro disagio. Chiediamo un incontro con il presidente della regione Stefano Caldoro affinché ci spieghi qual è il nostro futuro. Questo settore o esiste, ma con tutte le condizioni necessarie a farci sopravvivere, o non deve esistere più".

Per effetto della manifestazione degli operai forestali sul raccordo autostradale Avellino-Salerno, è stato chiuso provvisoriamente al traffico lo svincolo di Fisciano in direzione Nord, al km 9,500. Sul posto sono presenti le squadre dell'Anas e della Polizia Stradale per la gestione della viabilità.

IL COMMENTO DI FRANCO TAVELLA

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IL COMMENTO DI CORRADO MARTINANGELO

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, ad Avellino spunta anche il virus di "Festa": il sindaco tra gli assembramenti incita la movida contro Salerno

  • Va in Brasile per far visita alla figlia e non riesce più a tornare: l'appello di un salernitano alle istituzioni

  • Assembramenti e cori contro Salerno, Selvaggia Lucarelli: "Ad Avellino i lanciafiamme di De Luca"

  • "C'è una bomba a Fratte": strade chiuse al traffico e artificieri all'opera, ma è un falso allarme

  • Incidente a Pontecagnano, morte cerebrale per il 37enne

  • De Luca ospite di Gramellini su Rai 3: dalla Campania sicura, ai "raddrizzatori di banane"

Torna su
SalernoToday è in caricamento