Assalto al pullman di Busitalia ad Halloween: pagano mamma e papà

Chi rompe, paga. Il vecchio adagio vale anche per i ragazzi di età compresa tra 11 e 15 anni che colpirono con sassi, uova, barattoli di vernice e farina il pullman in servizio nella frazione Passiano, a Cava de' Tirreni. Saranno risarcite anche le persone ferite

Chi rompe, paga. Il vecchio adagio vale anche per i giovani assalitori - di età compresa tra 11 e 15 anni - del pullman di Busitalia che fu bersagliato con uova e pietre nella notte di Halloween. La Polizia ha individuato i responsabili, i ragazzini sono stati ascoltati (non è escluso che vengano identificate altre persone) e nel frattempo i genitori dovranno risarcire l'azienda di trasporto pagando i danni causati dai propri figli. Dovranno pagare anche le spese mediche sostenute da due persone che erano a bordo del pullman e che furono ferite.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La ricostruzione

Preso d'assalto il pullman in servizio sulla linea Cava-Contrapone, nella frazione Passiano, colpito con sassi, uova, barattoli di vernice e farina da un gruppo di ragazzini travestiti per Halloween. In frantumi, i finestrini del pullman, mentre due viaggiatori, feriti dalle schegge, furono costretti a ricorrere alle cure ospedaliere. L.N. pubblicò su Facebook anche le foto dell'episodio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, ad Avellino spunta anche il virus di "Festa": il sindaco tra gli assembramenti incita la movida contro Salerno

  • Covid-19, in lieve aumento i contagi nel salernitano: i dati provinciali

  • Covid-19, altri 4 casi positivi in Campania: due sono a Cava de' Tirreni

  • Assembramenti e cori contro Salerno, Selvaggia Lucarelli: "Ad Avellino i lanciafiamme di De Luca"

  • Caso sospetto di Covid-19: chiuso temporaneamente il Pronto Soccorso a Nocera

  • Sparatoria ad Angri, ferito un imprenditore: a novembre un attentato alla sua azienda

Torna su
SalernoToday è in caricamento