Riciclaggio e usura, arrestate sei persone di Campagna

Tre componenti di una famiglia e tre imprenditori della zona, di cui uno residente in Romania sono stati fermati dai carabinieri su ordinanza del giudice per le indagini preliminari

E' di sei persone arrestate il bilancio di un'operazione messa a segno dai carabinieri del ROS e dai militari del comando provinciale di Salerno, agli ordini del colonnello Fabrizio Parrulli e del tenente colonnello Francesco Merone. Secondo quanto si apprende da una nota dei militari gli arrestati sarebbero accusati di riciclaggio di denaro, usura, trasferimento fraudolento di valori ed esercizio abusivo dell'attività finanziaria. Destinatari del provvedimento emesso dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Salerno sono tre persone componenti di una famiglia di Campagna e tre imprenditori della zona, uno dei quali residente in Romania. I carabinieri hanno inoltre effettuato numerose perquisizioni.

Le indagini sono partite nel 2010 da una segnalazione delle autorità romene su flussi di denaro gestiti da alcuni cittadini italiani, che successivamente investivano in immobili nel territorio di Costanza, località del Mar Nero. Con una richiesta di rogatoria internazionale e con il coordinamento internazionale dell'ufficio di cooperazione giudiziaria Eurojust dell' Aja, i carabinieri del Ros di Salerno e la Procura fatto quadrare il cerchio.

In una conferenza stampa presso il comando provinciale dei carabinieri il procuratore aggiunto di Salerno, Antonio Centore, ha reso noto che attraverso intercettazioni telefoniche e dichiarazioni di un pentito si era scoperta l'attività della banda di usurai, che reimpiegava i profitti trasferendo ingenti somme di denaro in Romania per l'acquisto di terreni ed immobili. Le indagini hanno portato all' arresto di L. M., della moglie, L. D. D. e della figlia A. M., tutti di Campagna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In manette anche un imprenditore del calcestruzzo, A. D. L. di Postiglione G. P. e A. L., quest'ultimo residente in Romania. L. M., già coinvolto nell'operazione "Farfalla" sulla gestione dei videopoker illegali nel territorio di Campagna per conto del clan camorristico Serino, attivo nell'area sarnese, era conosciuto in Romania, dove da qualche tempo faceva giungere grosse somme di denaro. Nella sua abitazione a Campagna i militari del ROS hanno trovato nascosti in un materasso 30mila Euro. L' usura era praticata con prestiti a commercianti ed imprenditori della zona con interessi fino al 45%. I carabinieri hanno sequestrato due terreni nel territorio del comune di Postiglione. Le verifiche sono ancora in corso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 27 nuovi contagi in Campania: il bollettino

  • Muore folgorata in casa, la difesa dell'elettricista: "Indagate tutti i familiari"

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, i dati del bollettino

  • "Non mi dai da bere? Ti accoltello": un arresto a Torrione, beccato anche uno spacciatore

  • Incidente mortale nella notte, Cava: giovane centauro perde la vita

  • Covid-19, De Luca: "In Campania fatto miracolo". E annuncia: "Vaccino contro tumore"

Torna su
SalernoToday è in caricamento