Ripetitore a Castel San Lorenzo, la protesta dei cittadini

Una petizione di 1053 firme per chiedere la delocalizzazione dell'impianto e una protesta con catene nel centro cittadino: il comitato del "no" chiede un incontro al sindaco

Castel San Lorenzo, sullo sfondo il ripetitore contestato (foto facebook)

Prosegue a Castel San Lorenzo la protesta contro l'installazione del ripetitore per telefoni cellulari sul territorio comunale. Da alcuni giorni diversi residenti della cittadina si sono incatenati nei pressi della fontana pubblica del centro cittadino allo scopo di ottenere lo spostamento dell'impianto, giudicato "troppo vicino al centro abitato". I promotori della protesta, in testa a tutti il presidente del comitato contro il ripetitore Pasquale Maiale, hanno chiesto un incontro al primo cittadino Gennaro Capo allo scopo di potersi confrontare sulla problematica. Nei giorni scorsi lo stesso comitato aveva lanciato una petizione per la delocalizzazione dell'antenna, in fase di costruzione in località Tempa, raccogliendo 1053 firme. La protesta va avanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 27 nuovi contagi in Campania: il bollettino

  • Muore folgorata in casa, la difesa dell'elettricista: "Indagate tutti i familiari"

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, i dati del bollettino

  • "Non mi dai da bere? Ti accoltello": un arresto a Torrione, beccato anche uno spacciatore

  • Incidente mortale nella notte, Cava: giovane centauro perde la vita

  • Covid-19, De Luca: "In Campania fatto miracolo". E annuncia: "Vaccino contro tumore"

Torna su
SalernoToday è in caricamento