"Nessuna rissa, solo un litigio" le dichiarazioni di Antonio Inverso

L'organizzatore del torneo internazionale "Città di Agropoli" Antonio Inverso interviene a proposito dello spiacevole episodio verificatosi a margine dell'incontro di calcio Jugend - Casarea

"Nessuna rissa, solo un litigio tra due persone" così Antonio Inverso, organizzatore del torneo internazionale di calcio "Città di Agropoli", all'indomani della chiusura della manifestazione sportiva, segnata dal violento litigio tra l'allenatore della "Jugend Agropoli", Luciano Vessicchio, e un dirigente del Casarea, formazione  di Casalnuovo, nel napoletano, in seguito al quale il mister della squadra cilentana è finito in ospedale.

Antonio Inverso precisa: " Il torneo si è svolto regolarmente, all'insegna della lealtà e dei valori dello sport. Quanto accaduto tra l'allenatore della Jugend e il dirigente del Casarea è un fatto certamente esecrabile, ma che non può in alcuna maniera cancellare il valore del torneo. Tengo infine a sottolineare che non c'é stata alcuna rissa, come pure è apparso su alcuni articoli di giornale". A conclusione dell'incontro tra lo Jugend e il Casarea un dirigente della squadra partenopea aveva colpito l' allenatore della Jugend al viso con una cartellina. L'intervento dei carabinieri aveva evitato conseguenze ben peggiori. L'allenatore dello Jugend è stato medicato presso il nosocomio cittadino.

Potrebbe interessarti

  • "Aiuto, la strada è infestata dai serpenti": allarme dei residenti a Calata San Vito

  • Salerno: 5 locali perfetti per trascorrere una serata in riva al mare

  • Invasione di insetti rossi a Salerno: la gente scappa dal lungomare

  • Il mare più bello d'Italia è quello di Pollica e del Cilento Antico: parola di Legambiente e Touring Club

I più letti della settimana

  • "Do 1000 euro a chi restituisce il cellulare alla mamma di Alessandro": l'appello di un nostro lettore

  • Dramma a Nocera, precipita dal tetto di una scuola: muore operatore

  • "Aiuto, la strada è infestata dai serpenti": allarme dei residenti a Calata San Vito

  • Salerno: 5 locali perfetti per trascorrere una serata in riva al mare

  • Festeggiano il matrimonio in un ristorante ma non pagano il conto: neo sposini nei guai

  • Salerno, i Nas chiudono laboratorio di analisi: sequestri anche in provincia

Torna su
SalernoToday è in caricamento