Abusi edilizi a Rofrano: nuovo ordine di demolizione dall'Ente Parco

L’opera è stata realizzata nella zona C2 della perimetrazione definitiva del Parco, in un’area Sic e Zona a protezione speciale. Mancava qualunque autorizzazione da parte dell’Ente

Altri abusi edilizi nel territorio del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. I carabinieri forestali di Montano Antilia, infatti, hanno accertato a Rofrano la realizzazione di una baracca, sita all’interno di un’area recintata con pali in legno e rete metallica, adibita a fienile, con struttura portante realizzata con pali di castagno infissi direttamente al suolo, e copertura e tompagni realizzati con struttura in legno e lamiere zincate.

L'ordinanza

L’opera è stata realizzata nella zona C2 della perimetrazione definitiva del Parco, in un’area Sic e Zona a protezione speciale. Mancava qualunque autorizzazione da parte dell’Ente: a causa degli abusi, il direttore Romano Gregorio ha firmato un’ordinanza di demolizione delle opere entro 90 giorni e il ripristino dello stato dei luoghi.


 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma tra le due Nocera, giovane geometra si toglie la vita

  • Eboli, sequestrata una macelleria: il proprietario tenta di aggredire i carabinieri

  • Via Pietro del Pezzo: rissa in pizzeria, intervengono i carabinieri

  • Ultras Salernitana a lutto: è morto Antonio Liguori

  • Settecentomila lettere in partenza dall'Agenzia delle Entrate

  • Roccadaspide, raccoglie castagne cadute sulla strada: minacciato con un'ascia per il "furto"

Torna su
SalernoToday è in caricamento