Prima l’aborto, poi il delicato intervento al cuore: ora Rossella è diventata mamma

Un'altra storia a lieto fine arriva dal reparto di "Gravidanza a rischio" del "Ruggi d'Aragona" di Salerno diretto dal professore Raffaele Petta

Rossella con il dottore Petta

Un altro miracolo al “Ruggi d’Aragona” di Salerno: mamma Rossella Mancino di 29 anni, casalinga di Giffoni Valle Piana, e papà Rocco Caprino, impiegato di 31 anni, stanno provando una gioia immensa per la nascita del piccolo Francesco.

La storia

Alla mamma del neonato, all’inizio del 2014, era stata diagnosticata una grave malformazione della valvola cardiaca aortica. Per questo, nel marzo dello stesso anno, venne sottoposta ad un delicatissimo intervento di sostituzione della valvola aortica con una valvola artificiale protesica; per questa problematica era costretta ad assumere anticoagulanti. Nel 2016 scoprì di essere in gravidanza. Ma la gioia durò poco perchè ben presto arrivò la doccia fredda: il feto presentava una gravissima malformazione cerebrale, per cui alla 21° settimana fu costretta ad interrompere la gravidanza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma nel settembre del 2018, quando ogni speranza era stata rubata, arrivò la bella notizia di una nuova gravidanza. Tante le ansie e le paure che la giovane madre ha provato in quel periodo finchè con la ecografia morfostrutturale alla 20esima settimana venne esclusa qualsiasi malformazione diagnosticabile ecograficamente. Tuttavia alla 35esima settimana da un controllo emerse una brusca riduzione del liquido amniotico, per cui fu immediatamente ricoverata nel reparto di “Gravidanza a rischio” del Ruggi di Salerno diretto dal professore Raffaele Petta. Furono eseguiti controlli cardiotocografici, ecografici e flussimetrici ravvicinati; a complicare ulteriormente il quadro sopraggiunse anche un brusco calo delle piastrine con alterazione della coagulazione. Il professore Petta decise allora di far nascere il bimbo assistito dalla ostetrica Luciana Verlezza. E così, il 12 aprile scorso, alle ore 12,35, è venuto alla luce Francesco, un meraviglioso bambino del peso di 2720 grammi, sano e vitalissimo assistito dalla dottoressa Graziella Corbo. Attualmente sia la mamma che il piccolo stanno a casa e  godono  di  ottima salute.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, Mondragone tra risse e feriti: alcuni bulgari in fuga verso il salernitano

  • "Salerno non è turistica: ha solo la fortuna di essere tra 2 costiere", la amara denuncia di un lettore

  • Siano grida al miracolo, la Madonna "appare" in chiesa: parla il sindaco

  • Paziente infetta dimessa dall'ospedale: blitz dei carabinieri a Polla

  • Svuotava le slot machine con il trucco del "pesciolino": arrestato 19enne salernitano

  • Caso sospetto di Covid-19 a Salerno, medico del 118 in isolamento

Torna su
SalernoToday è in caricamento