Salerno accoglie il nuovo vescovo Bellandi: "Sono servo di tutti, credenti e non credenti"

L'ex vicario generale della Diocesi di Firenze, circondato da applausi e preghiere, ha tenuto un breve ma significativo discorso in Piazza Amendola. Poi si è recato in Duomo per la Santa Messa

Un momento della processione (Foto G.Gambardella)

Salerno accoglie con applausi e preghiere il nuovo arcivescovo, monsignor Luigi Bellandi. Oggi pomeriggio, in Piazza Amendola, l’ormai ex vicario generale della Diocesi di Firenze è giunto in Piazza Amendola per essere salutato dalle autorità presenti. In primis, dal sindaco Vincenzo Napoli, dal Prefetto Francesco Russo, da decine di sindaci e centinaia di cittadini.

L'elogio alla città

L’intervento del nuovo arcivescovo è durato pochi minuti. “Sono molto grato per questo incontro con cui ha inteso accogliermi in questa terra ricca di arte, storia, cultura” ha affermato Bellandi, che ha definito Salerno “simbolo di libertà, democrazia e civiltà”. Poi ha parlato del futuro: “Oggi arriva un pastore proveniente da un’altra terra, non però dalla fine del mondo come disse Papa Francesco il giorno della sua elezione, ma un po’ vicino, dalla Toscana, anche lei ricca di tradizione e cultura.

L'appello alle istituzioni

Nel corso del suo discorso, Bellandi si è rivolto alle autorità civili e militari presenti in piazza: "Penso, sinceramente, che con il popolo e le istituzioni di questa città potrà nascere sicuramente una buona intesa, che potrà portare, nel rispetto ruoli e competenze, ad una stima e collaborazione vicendevole. Già nel mio primo saluto alla Diocesi - ha ricordato - ho espresso il desiderio di poter collaborare fattivamente per il bene comune del nostro popolo. E adesso ribadisco questa intenzione. In questi tempi complessi e drammatici che viviamo, c’è assoluto dialogo tra le istituzioni per creare un clima di accoglienza, di rispetto, di sostegno alla dignità di ogni essere umano. La chiesa, pur non avendo altro desiderio, di quello di comunicare la gioia del Vangelo - come scrive Papa Francesco, riempie il cuore e la vita intera di coloro che si incontrano con Gesù - non può non interessarsi del benessere anche temporale di ogni persona. Tutta la storia di duemila anni di Cristianesimo lo dimostrano. Prego, quindi, Dio, Maria Santissima e San Matteo, che mi aiutino nel mio nuovo ministero di pastore in questa terra a non avere altro a cuore che questo, facendomi servo di tutti, credenti e non credenti”.

L'insediamento

Subito dopo si è tenuta la processione da Piazza Amendola fino al Duomo, dov’è stata celebrata, dal cardinale Bertori, la Santa Messa alla presenza di cinquanta vescovi e 252 sacerdoti. Migliaia i fedeli accorsi nel cuore del centro storico per abbracciare il nuovo pastore della Curia salernitana.

Gli auguri della Salernitana

L’U.S. Salernitana 1919 augura buon lavoro a Monsignor Andrea Bellandi, nuovo Arcivescovo della Diocesi di Salerno-Campagna-Acerno. Nel giorno della sua Ordinazione e dell’ingresso in Diocesi, la Proprietà e tutti i tesserati partecipano con giubilo alla festa della Comunità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Sant'Egidio, donna muore folgorata nella doccia

  • Colto da malore mentre l'amico fa benzina: muore 30enne a San Mango Piemonte

  • Morto investito da un treno, la sorella: "Vorrei abbracciare chi ha avuto il cuore di mio fratello"

  • Paura nel Golfo di Policastro, registrate quattro scosse di terremoto in mare

  • Incidente sulla Cilentana, muore anche la 17enne di Albanella

  • Incidente a Cassino, grave don Antonio Agovino di Sarno: i fedeli si riuniscono in preghiera

Torna su
SalernoToday è in caricamento