Salerno, i Nas chiudono laboratorio di analisi: sequestri anche in provincia

I carabinieri hanno svolto una serie di ispezioni anche nei comuni di Cava, Angri, Battipaglia, Agropoli, San Cipriano Picentino e San Gregorio Magno

Nuovi controlli dei carabinieri del Nas nelle province di Salerno, Avellino e Benevento dove, hanno sequestrato oltre sette tonnellate di prodotti, e chiuso, per carenza di condizioni igienico-sanitarie, strutturali e organizzative, tre ristoranti, due mense scolastiche, tre panifici, sei bar e un asilo nido.

Le ispezioni nel Salernitano

I militari dell’Arma, insieme alle Asl locali, hanno posto i sigilli ad oltre due tonnellate di alimenti non tracciati a Salerno e, in provincia, tra Cava de' Tirreni, Angri, Battipaglia, Agropoli e San Cipriano Picentino. Non solo. Ma nel comune di San Gregorio Magno hanno sigillato cinque tonnellate di mangimi a base di mais, orzo, fave e bietola risultate tutte non tracciate, in uno stabilimento di materie prime per mangimi. Nel capoluogo, infine, hanno chiuso un laboratorio di analisi non autorizzato.

Il sequestro

Complessivamente sono state contestate sanzioni amministrative per circa 15mila euro. Nelle province di Bari, Napoli e Salerno, a seguito di controlli presso 8 aziende, commerciali, agricole, vitivinicole e avicole, sono stati sottoposti a sequestro amministrativo per violazioni in materia di etichettatura e tracciabilità oltre 3.500 litri di vino rosso e rosato, 25 chili di prodotti caseari, oltre 9mila uova.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Sant'Egidio, donna muore folgorata nella doccia

  • Colto da malore mentre l'amico fa benzina: muore 30enne a San Mango Piemonte

  • Travolto da un treno ad Angri: Tobia è morto, Agro a lutto

  • Morto investito da un treno, la sorella: "Vorrei abbracciare chi ha avuto il cuore di mio fratello"

  • Paura nel Golfo di Policastro, registrate quattro scosse di terremoto in mare

  • Incidente sulla Cilentana, muore anche la 17enne di Albanella

Torna su
SalernoToday è in caricamento