Droga: blitz in stazione, arrestati due nigeriani: uno risiede a Salerno

Li aspettavano alla stazione Ferroviaria di Bojano e poco dopo l'arrivo del treno da Napoli e' scattato il blitz. Sono stati arrestati due cittadini nigeriani di 26 e 29 anni, uno dei due residente in provincia di Salerno

Li aspettavano alla stazione Ferroviaria di Bojano e poco dopo l'arrivo del treno da Napoli e' scattato il blitz. Sono stati arrestati due cittadini nigeriani di 26 e 29 anni, il piu' giovane ospite di un centro di accoglienza della citta' matesina, l'altro residente in provincia di Salerno. Per entrambi l'accusa e' detenzione e spaccio di droga. Alla vista dei Carabinieri i due sono scappati, ma i militari li hanno bloccati dopo pochi metri. Al termine della perquisizione sono stati trovati circa 300 grammi di marijuana. Secondo gli investigatori il 29enne aveva il compito di trasportare la droga dalla provincia di Napoli fino a Bojano, mentre il 26enne si occupava della distribuzione al dettaglio a diversi assuntori, tra cui anche minorenni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, ad Avellino spunta anche il virus di "Festa": il sindaco tra gli assembramenti incita la movida contro Salerno

  • Va in Brasile per far visita alla figlia e non riesce più a tornare: l'appello di un salernitano alle istituzioni

  • Assembramenti e cori contro Salerno, Selvaggia Lucarelli: "Ad Avellino i lanciafiamme di De Luca"

  • Incidente a Pontecagnano, morte cerebrale per il 37enne

  • De Luca ospite di Gramellini su Rai 3: dalla Campania sicura, ai "raddrizzatori di banane"

  • "C'è una bomba a Fratte": strade chiuse al traffico e artificieri all'opera, ma è un falso allarme

Torna su
SalernoToday è in caricamento