Lavori al cantiere, un "regalo" per stare tranquilli: a giudizio per estorsione mafiosa

L'uomo, un paganese, avrebbe fatto visita al capo cantiere nella zona Taurano, dove lo stesso stava svolgendo lavori per Agro Invest

Tentò l'estorsione al capo cantiere di alcuni lavori da eseguire nella zona Taurano, area Pip, per conto di Agro Invest. Ora è finito a processo un 45enne di Pagani, noto per diversi precedenti penali, per quanto commesso nel 2008.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il "regalo" per stare tranquilli

Secondo le accuse della Dda di Salerno, l'uomo si presentò alla presenza del capogruppo di un’associazione temporanea di imprese che si era aggiudicato l’appalto per dei lavori, spiegando di essere «della zona» e che «se avessero avuto bisogno di qualcosa lui era a disposizione». Poi, chiese un «regalo» per quella disponibilità. Denaro che la vittima si rifiutò di pagare, denunciando l'accaduto alle forze dell'ordine. Quel denaro serviva - secondo l'impianto accusatorio - ad evitare ritorsioni e danneggiamenti sul cantiere, essendo «nota l'appartenenza» dell’uomo ad un’organizzazione criminale, di stampo camorristico. Le indagini furono condotte dalla Squadra Mobile di Salerno. All'imputato viene contestato anceh il metodo mafioso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, Sarno si sveglia in lacrime: muore Michele, 38enne ricoverato al Ruggi

  • Suicidio a Salerno, si lancia dalla finestra e muore sull'asfalto

  • "Alimenti scaduti nel mio pacco": il direttore del Banco Alimentare risponde alla mamma di Pontecagnano

  • Coronavirus: 1° contagio a San Mango e nuovo caso a San Severino, i nomi dei pazienti

  • Covid-19: muore una salernitana, 341 contagi in provincia. Primario in via di miglioramento

  • Coronavirus a Cava de' Tirreni, morto luogotenente dei carabinieri

Torna su
SalernoToday è in caricamento