Carne di maiale al figlio, uomo tentò di strangolare la moglie: condannato per maltrattamenti

Per questi fatti, avvenuti fino al 2018, un 39enne di origini marocchine è stato condannato dal giudice del Tribunale di Nocera a 2 anni e 4 mesi di carcere. Sullo sfondo, i precetti religiosi che la moglie doveva rispettare

«Il bambino non deve mangiare il maiale. Non deve dire il padre nostro»: così un marocchino, per queste stesse motivazioni, avrebbe aggredito e picchiato più volte la moglie, di nazionalità bulgara, “colpevole” di fornire a suo figlio i preparati per bambini e di violare i precetti religiosi. Cibo che le regalava la chiesa, perchè secondo la testimonianza della vittima, il padre non avrebbe provveduto mai a portare del cibo a casa. La donna lo raccontò ai carabinieri, denunciando le violenze subite dopo l’ennesimo litigio: l’uomo l’aveva buttata a terra, per poi stringerle le mani alla gola, tentando di strangolarla, lanciandole addosso oggetti, bottiglie di vino e altro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La condanna

Dopo i ripetuti maltrattamenti, inferti anche davanti al piccolo, la vittima denunciò tutto ai carabinieri e ai servizi sociali, cambiando anche casa, per poter cambiare vita e stare lontano dal marito. Al giudice raccontò che spesso l'imputato tornava ubriaco a casa, dopo aver fumato con gli amici; poi la pestava con estrema violenza. La vicenda, in primo grado, si è chiusa con la condanna a due anni e 4 mesi per l’accusa di maltrattamenti. «Un giorno c’era la festa di loro che ammazzano le pecore, perché è una loro festa di marocchini, e lui davanti al mio bambino ha tagliato la gola alla pecora, e il bambino si è spaventato molto, si è messo a nascondersi sotto la tavola, e diceva il Padre nostro. E lui si è spaventato: ha detto che non doveva dirla, quella preghiera; doveva dire che non ci sta Gesù». Sono alcuni dei passaggi della testimonianza della donna in dibattimento. Per questi fatti, il 39enne di origini marocchine, è stato condannato dal giudice monocratico del Tribunale di Nocera: oltre a scontare la reclusione dovrà pagare le spese di costituzione in giudizio a favore della donna. I fatti si consumarono a San Valentino Torio, dal 2011 fino agli anni a seguire. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna lo spettro del Covid-19 a Salerno città, la denuncia del Comitato San Francesco e l'appello di Polichetti

  • Sorpresa in Costiera, "Fratacchione" Fazio in vacanza ad Amalfi

  • Coronavirus, 27 nuovi contagi in Campania: il bollettino

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, i dati del bollettino

  • Covid-19: positiva una dipendente bancaria a Salerno

  • Cilento, avvistato il proprietario di "Louis Vuitton" con il suo mega yacht

Torna su
SalernoToday è in caricamento