Dalla quarantena al Cotugno per un "errore": disavventura per famiglia salernitana

Da giovedì scorso, il capofamiglia si trovava in terapia intensiva al Cotugno di Napoli, per delle difficoltà respiratorie, conseguenza anche di una polmonite genetica simile alla fibrosi cistica

Al Cotugno per un errore dell'Asl, uscendo dalla quarantena. E' quanto capitato ad una famiglia di San Valentino Torio, i cui componenti sono in quarantena dal 2 marzo, in casa propria. Quattro su un totale di cinque persone è risultato positivo al Covid-19, da oltre una settimana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il caso

Da giovedì scorso, il capofamiglia si trovava in terapia intensiva al Cotugno di Napoli, per delle difficoltà respiratorie, conseguenza anche di una polmonite genetica simile alla fibrosi cistica. Ieri mattina, l'Asl si era rivolta alla famiglia per sottoporre a nuovi controlli i deu figli dell'uomo risultati positivi. Dalla loro abitazione di San Valentino Torio, sono stati così trasferiti con un'ambulanza all'Umberto I di Nocera Inferiore. Ma da lì, si è poi preferito trasferirli al Cotugno. Lì sono stati svolti tutti i controlli del caso, accertando lo stato di "positivo" al Coronavirus, ma senza sintomi gravi. Ma da Napoli, come raccontano i familiari, i medici hanno consigliato di tornare a casa, non comprendendo la ragione di un trasferimento al Cotugno. I due ragazzi risultati positivi sono stati invitati a continuare la propria quarantena in casa, senza peòr alcun mezzo messo a disposizione dall'Asl, che non prevede rientri "in sicurezza" per i pazienti affetti dal virus. Ad intervenire per aiutare la famiglia - che come unica alternativa aveva quella di attendere la donna di casa che con l'auto avrebbe preso i figli per riportarli nell'Agro, in condizioni di forte rischio - ci ha pensato il sindaco di San Valentino Torio, Michele Strianese, inviando un'ambulanza a Napoli per prelevare i due giovani e riportarli presso la propria abitazione, per continuare la quarantena
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 27 nuovi contagi in Campania: il bollettino

  • Muore folgorata in casa, la difesa dell'elettricista: "Indagate tutti i familiari"

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, i dati del bollettino

  • "Non mi dai da bere? Ti accoltello": un arresto a Torrione, beccato anche uno spacciatore

  • Incidente mortale nella notte, Cava: giovane centauro perde la vita

  • Covid-19, De Luca: "In Campania fatto miracolo". E annuncia: "Vaccino contro tumore"

Torna su
SalernoToday è in caricamento