San Valentino Torio, furto di energia elettrica: rischiano il processo tre imprenditori

Michele, Carlo e Antonio Canzanelli sono accusati di furto e sottrazione di energia elettrica. Parte offesa l'Enel. L'energia sarebbe stata trasferita in maniera fraudolenta per le proprie attività commerciali. La procura ha chiesto il rito immediato

Tre componenti della famiglia Canzanelli, noti imprenditori del comprensorio, rischiano un processo per furto. Avrebbero sottratto energia elettrica all'Enel per le proprie attività commerciali. A chiedere il giudizio immediato per Michele, Carlo e Antonio Canzanelli è il sostituto procuratore Ernesto Caggiano. I fatti sono riconducibili allo scorso 21 ottobre, con indagini svolte congiuntamente dai carabinieri di San Valentino Torio e tecnici dell'Enel. Stando all'ipotesi accusatoria, il congegno che serviva alla sottrazione di energia era posizionato da un cavo trifase posto tra i contatori e il quadro elettrico interno ed interno ad una botola scavata nel piano di cemento all'esterno dell'esercizio commerciale. Il tutto nascosto da una grossa pianta. La procura nocerina ha individuato per i tre le singole accuse: Michele Canzanelli avrebbe prelevato abusivamente 296mila kilowatt per oltre 56mila euro a vantaggio della Canzanelli Bistrot, un bar. Mentre 213mila kilowatt per la Canzanelli Srl. Per il secondo indagato, Antonio, oltre 166mila kilowatt pari a oltre 31mila euro per l'attività "Autoservice". Infine, Carlo, con il prelievo di 166mila kilowatt, anch'esso per oltre 31mila euro complessivi da inquadrare come danno per la società Enel. Destinata, in questo caso e secondo la procura, alla C.G.A. Pneus & service.  

Per un'appropriazione che la procura certifica dunque nel suo totale intorno ai 600mila kilowatt, il danno per l'Enel - parte offesa nel procedimento - è stimato sui 120mila euro. Nell'informativa della procura, i risultati delle investigazioni condotte dai carabinieri di San Valentino Torio e tecnici dell'Enel, grazie ad un'operazione su conteggi elettronici e controlli quotidiani incentrati per scoprire proprio chi si appropria di energia in forma illegale. Il sostituto procuratore Ernesto Caggiano ha chiesto per i tre il giudizio immediato, ora in fase di valutazione davanti al gip del tribunale. Nel collegio difensivo, gli avvocati Andrea Miranda, Cosimo Vastola e Raffaele Giacomaniello

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Sant'Egidio, donna muore folgorata nella doccia

  • Colto da malore mentre l'amico fa benzina: muore 30enne a San Mango Piemonte

  • Morto investito da un treno, la sorella: "Vorrei abbracciare chi ha avuto il cuore di mio fratello"

  • Paura nel Golfo di Policastro, registrate quattro scosse di terremoto in mare

  • Suicidio a Salerno, uomo trovato morto in strada: si indaga

  • Incidente a Cassino, grave don Antonio Agovino di Sarno: i fedeli si riuniscono in preghiera

Torna su
SalernoToday è in caricamento