Petardo contro sede della Lega, i carabinieri acquisiscono i video di sorveglianza

Nelle ore successive al fatto, i militari agli ordini del comandante Gennaro Corvino hanno acquisito i filmati di sorveglianza in zona, anche di esercizi pubblici, per trovare indizi e tracce che possano condurre all’identificazione del vandalo o dei vandali

Continuano le indagini dei carabinieri per risalire a chi avrebbe fatto esplodere un petardo nei pressi della sede della Lega, a San Valentino Torio. Nelle ore successive al fatto, i militari agli ordini del comandante Gennaro Corvino hanno acquisito i filmati di sorveglianza in zona, anche di esercizi pubblici, per trovare indizi e tracce che possano condurre all’identificazione del vandalo o dei vandali.

Inaugurazioni tra polemiche e slogan

La denuncia era stata sporta dal coordinatore cittadino Giovanni Vergati, qualche ora dopo il fatto. Il petardo, posizionato pochi metri dall’ingresso della sede, era poi esploso in piazza Amendola. Ed aveva leggermente scalfito l’inferriata che fa da portante al vetro della porta d’ingresso della sede. Il coordinatore provinciale Mariano Falcone aveva parlato di «intimidazione», ricordando poi quanto accaduto durante l’inaugurazione di altre sedi. A Nocera Inferiore, infatti, alcuni striscioni posti dal collettivo "Antifascisti Agro nocerino", furono posti nei pressi della sede di via Ricco, con slogan di questo tipo: "Odio la Lega" e "Nocera non si lega". A Pagani, invece, i giorni precedenti all'inaugurazione, furono preceduti da una serie di insulti apparsi sui social da molti cittadini paganesi. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma tra le due Nocera, giovane geometra si toglie la vita

  • Incidente mortale a Baronissi, il ragazzo che guidava interrogato dal gip: "Non ricordo nulla"

  • Via Pietro del Pezzo: rissa in pizzeria, intervengono i carabinieri

  • Eboli, sequestrata una macelleria: il proprietario tenta di aggredire i carabinieri

  • Delitto di Baronissi, l'imputato "cosciente ma con disturbi della personalità"

  • Allaccio abusivo all'energia elettrica: torna libero il titolare del "Giardino degli Dei"

Torna su
SalernoToday è in caricamento