Rissa tra stranieri, il giudice li condanna e ordina l'arresto: ma sono latitanti

Sono tre cittadini marocchini, che a settembre del 2018 si resero protagonisti di una violenta rissa a San Valentino Torio. Quel giorno, i carabinieri erano intervenuti per un lancio di bottiglie avvenuto lungo una strada

Condannati tutti e tre per rissa, ad otto mesi di reclusione, evitano l'arresto perchè latitanti. Sono tre cittadini marocchini, che a settembre del 2018 si resero protagonisti di una violenta rissa a San Valentino Torio. Quel giorno, i carabinieri erano intervenuti per un lancio di bottiglie avvenuto lungo una strada.

La rissa

All'interno di un cortile, i militari notarono i tre aggredirsi a vicenda, utilizzando dei cocci di vetro. Nonostante un tentativo di fuga, furono tutti e tre fermati. Ad uno del gruppo sanguinava vistosamente una mano. I tre marocchini si trovavano in una casa diroccata, in pessime condizioni igienico sanitarie, con bottiglie rotte e materassi a terra. Probabilmente occupato abusivamente dagli imputati. Prima delle formalità di rito, i tre furono trasferiti in ospedale, a Sarno, dove i medici diagnosticarono ad ognuno di loro leggeri traumi e ferite per la rissa consumata poco prima. I tre risultarono positivi anche al tasso alcolemico, mentre uno di loro aveva anche un precedente. Al termine del processo, il giudice ha emesso condanna per tutti e tre, con l'arresto da eseguire dalle forze dell'ordine per gli imputati. Che però risultano irreperibili e dunque, latitanti. Tra gli avvocati difensori, il legale Angelo Longobardi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Striscia la Notizia a Salerno: pazienti oncologici rinunciano agli esami per il blocco delle convenzioni

  • Festa dell'Immacolata: non c'è il pienone in Campania, l'allarme dell'Abbac

  • Si schianta con l'auto contro un albero: morta la 24enne di Auletta

  • La banda dell'Audi: è caccia ai ladri che svaligiano case di Salerno e provincia

  • Piazza della Libertà, i lavori saranno completati dalla "Rcm" di Rainone

  • “Si è spento serenamente”, ma l'uomo è vivo: Sarno tappezzata di "falsi" manifesti

Torna su
SalernoToday è in caricamento