Sanità campana in agitazione: presidio e sciopero anche a Salerno

Nel corso delle due giornate, ad ogni modo, verrà garantita la continuità delle prestazioni indispensabili ai sensi della legge

Stato di agitazione per il settore Sanità del territorio: la Cisl Fp Campania, per iniziare, ha proclamato una giornata di mobilitazione per il 28 gennaio, con presidi davanti alle Prefetture di Salerno, Avellino, Benevento, Caserta e Napoli. Annunciato, inoltre, lo sciopero generale per il comparto sanità regionale per il giorno 6 febbraio, quando scenderà in piazza il personale di comparto delle Aziende Sanitarie e delle Aziende Ospedaliere del territorio della Regione.

Le motivazioni

Nel corso delle due giornate, ad ogni modo, verrà garantita la continuità delle prestazioni indispensabili ai sensi della legge. Dito puntato, dunque, contro il perdurare del contesto da cui è scaturita la proclamazione dello stato di agitazione del giorno 18 novembre 2019, nonchè la mancanza di dialogo che dura ormai da mesi e che denota l’assenza di volontà da parte della Regione Campania di affrontare un percorso fruttuoso e responsabile e contro l’irresponsabilità della politica, nonostante le numerose richieste di avviare un confronto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto a Salerno, è morta Laura Quaranta: tutti stretti attorno alla famiglia del dottor Della Monica

  • Coronavirus: nuove indicazioni ministeriali in Campania, parlano i sindaci salernitani

  • Sospetto caso di Coronavirus a Cava: bimbo al Cotugno, primi test negativi

  • Caso sospetto di Coronavirus a Ravello, isolato autista: chiuso il pronto soccorso

  • Coronavirus in Campania, De Luca scrive ai presidi: "Annullare le gite"

  • Coronavirus, capaccese torna da Piacenza e non si sente bene: esito negativo al test

Torna su
SalernoToday è in caricamento