Sanità, De Luca ai manager: "Dossier su liste d'attesa e tetti di spesa"

Summit a Palazzo Santa Lucia tra il governatore i vertici delle aziende sanitarie e ospedaliere della Campania: "Le emergenze vanno risolte subito"

De Luca

Dopo le polemiche e ricorsi presentati contro il nuovo piano di riorganizzazione degli ospedali, situati anche in provincia di Salerno, il governatore Vincenzo De Luca ha incontrato nella sala Giunta di Palazzo Santa Lucia i vertici delle aziende aanitarie e ospedaliere della Campania. All’ordine del giorno liste d’attesa, tetti di spesa, mobilità passiva e contratti con le strutture convenzionate. Nel corso dell’incontro sono state fissate scadenze e trasmesse precise disposizioni. In particolare i responsabili delle strutture sanitarie regionali entro sette giorni, dovranno produrre una dettagliata relazione su eventuali criticità per poter affrontare e risolvere l’emergenza delle liste d’attesa.

Personale, turni, tecnologie: punto per punto si avrà un quadro dettagliato della situazione di inizio anno e si interverrà immediatamente per abbattere i tempi di attesa. “Appropriatezza e controlli. Basta disorganizzazione, ognuno d’ora in poi si assumerà le proprie responsabilità”, ha dichiarato al riguardo il presidente De Luca. Per quanto riguarda i tetti di spesa la Regione vuole l’assistenza con copertura finanziaria fino a dicembre 2016. Mai più dovrà verificarsi l’esaurimento – già alla fine dell’estate – delle risorse, che dovranno quindi essere gestite con questo obiettivo. Mensilmente Asl e Aziende dovranno relazionare sulla spesa motivando le ragioni di eventuali sforamenti. Contestualmente il Nucleo Ispettivo della Regione costituito con la soppressione dell’Arsan, verificherà autonomamente l’utilizzo delle risorse impegnate 

La mobilità passiva, in parte collegata alla questione delle liste d’attesa, in Campania costa circa 300 milioni l’anno. L’obiettivo di Palazzo Santa Lucia è diminuire progressivamente questi costi e recuperare risorse da investire nella sanità campana. “Si può, in pochi anni – ha aggiunto il governatore  –  abbattere fino al 90 per cento la migrazione sanitaria passiva e si sta lavorando per aumentare nel contempo quella “attiva” puntando sulle eccellenze del mondo della sanità campana”. Anche su questo fronte, ai responsabili di Asl e Aziende, è stata chiesta una dettagliata relazione. Infine i contratti con le strutture private dovranno essere sottoscritti entro il mese di gennaio. Ancora oggi – secondo gli uffici regionali - ci sono strutture che svolgono le proprie attività convenzionate senza contratto. “Una situazione inaccettabile, per tutti, e sulla quale si interverrà in maniera risolutiva”. 
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Pacco con 1 kg di cocaina alla stazione: l'ombra del clan e la pista del "nome" misterioso

    • Cronaca

      Sciolto il Comune di Camerota, il Prefetto nomina il commissario

    • Cronaca

      Corruzione e falso in atto pubblico a Roma, l'operazione coinvolge anche Salerno

    • Cronaca

      "Sono invalido, non posso curarmi": la storia del signor Lucio

    I più letti della settimana

    • Tangenziale di Salerno, entrano in funzione gli autovelox: ecco dove

    • Fiocco azzurro in casa Pagliarulo: è nato Giovanni, il figlio di Rocco Hunt

    • Sparatoria in centro a Nocera Inferiore, si costituisce l'autore: "Non volevo ucciderlo"

    • Scafati, trovato morto il pluripregiudicato Vincenzo Staffetta: si indaga

    • Panico a Nocera Inferiore, sparatoria in strada: si indaga

    • Litiga con il proprietario di una pizzeria, poi cade a terra: grave 31enne

    Torna su
    SalernoToday è in caricamento