Scafati, morì a 33 anni: due medici del 118 rischiano processo per omicidio colposo

Secondo le accuse, quando i due intervennero in casa della donna, non la intubarono con la somministrazione di farmaci che pure avrebbero dovuto effettuare, cagionando danni irreparibili

Due medici del 118 rischiano un processo con l'accusa di omicidio colposo per la morte di Anna Pistol, la 33enne scafatese madre di 5 figli deceduta all’ospedale Andrea Tortora di Pagani il 23 dicembre 2017. Secondo le accuse, quando i due intervennero in casa della donna, non la intubarono con la somministrazione di farmaci che pure avrebbero dovuto effettuare, cagionando danni irreparibili, che neppure le cure di tre mesi di ricovero riuscirono ad ottenere benefici. Poco prima dell'arrivo dell'ambulanza, la donna restò in stato di arresto cardiaco per venti minuti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'inchiesta

Il 20 settembre di quell'anno la famiglia sollecitò l'intervento del 118 perchè Anna aveva accusato gravi problemi respiratori. Un malore improvviso. Dopo il primo intervento, la donna restò ricoverata a Nocera fino al 2 ottobre. Le sue condizioni restarono critiche fino al trasferimento a Pagani, con settimane trascorse in stato di coma, definito dalla procura "irreversibile", con una sua consulenza medico legale. Piccoli accenni di reazione, poi nulla più. Morì verso la fine di dicembre. L'indagine partì dopo la denuncia sporta dal marito. Il gip dovrà ora analizzare le accuse raccolte verso i due medici del 118. Stando alla perizia dell'accusa, il resto dei medici dei due ospedali riuscì in parte a recuperare "il danno" provocato dal mancato intervento dei due medici, senza però riuscire a fare di più, vista "l'irreversibilità" delle condizioni della 33enne. Per loro, circa una trentina, fu disposta l'archiviazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna lo spettro del Covid-19 a Salerno città, la denuncia del Comitato San Francesco e l'appello di Polichetti

  • Dramma a San Cipriano Picentino, uomo si impicca nel cimitero

  • Sorpresa in Costiera, "Fratacchione" Fazio in vacanza ad Amalfi

  • Covid-19: positiva una dipendente bancaria a Salerno

  • Covid-19 alla gelateria Buonocore, il titolare: "Abbiamo chiuso per tutelare i clienti"

  • Covid-19, altri 7 contagi in Campania: i dati del bollettino

Torna su
SalernoToday è in caricamento