Scafati, tentò di uccidere moglie e nipote: condannato a 6 anni di carcere

Era il 25 luglio scorso, quando in un appartamento a Scafati, un marocchino tentò di uccidere prima la moglie e poi il nipote, di soli 20 anni.

E' stato condannato per duplice tentato omicidio a 6 anni e 6 mesi di carcere, al termine del rito abbreviato, un marocchino di 44 anni. Era il 25 luglio scorso, quando in un appartamento a Scafati, tentò di uccidere prima la moglie e poi il nipote, di soli 20 anni. Riuscì ad accoltellarli entrambi, prima di darsi alla fuga ed essere arrestato un mese dopo, dai carabinieri.

La condanna

Munito di un regolare permesso di soggiorno, l'uomo attirò i due in casa con una scusa. La compagna avrebbe dovuto recuperare anche alcuni oggetti personali. Da tempo, voleva rompere con il marito e tornare nel suo paese d'origine. Questo, almeno, avrebbe scatenato in seguito la furia dell'uomo. Per recuperare quegli oggetti chiese le chiavi dell'appartamento proprio al marito. Con lei, quel giorno, c'era anche il nipote. Poi l'aggressione, con le ferite riportate da entrambe le vittime. Furono proprio le urla del nipote a far desistere l'uomo dal colpire ancora la moglie. Prima del gesto, l'imputato chiuse anche la porta a chiave. Poi la fuga: fu arrestato un mese dopo. Si era nascosto in un casolare tra Scafati e Boscoreale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Striscia la Notizia a Salerno: pazienti oncologici rinunciano agli esami per il blocco delle convenzioni

  • Si schianta con l'auto contro un albero: morta la 24enne di Auletta

  • Festa dell'Immacolata: non c'è il pienone in Campania, l'allarme dell'Abbac

  • La banda dell'Audi: è caccia ai ladri che svaligiano case di Salerno e provincia

  • Piazza della Libertà, i lavori saranno completati dalla "Rcm" di Rainone

  • “Si è spento serenamente”, ma l'uomo è vivo: Sarno tappezzata di "falsi" manifesti

Torna su
SalernoToday è in caricamento