Caso Scarano: il monsignore torna a casa, il 3 dicembre in aula per il processo

E' tornato a casa, agli arresti domiciliari, monsignor Nunzio Scarano, ex addetto contabile all'Apsa, finito in carcere il 28 giugno scorso per corruzione in concorso

E' tornato a casa, agli arresti domiciliari, monsignor Nunzio Scarano, ex addetto contabile all'Apsa, finito in carcere il 28 giugno scorso per corruzione in concorso con l'ex 007 e il broker Giovanni Carenzio. Don Scarano stamani ha lasciato la casa di cura la Quiete di Pellezzano, dove fu trasferito il 25 ottobre scorso, quando il gip del tribunale di Roma, Barbara Callari, dispose i domiciliari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Come difensori - dice l'avvocato Silverio Sica - siamo soddisfatti che don Nunzio abbia ritrovato la serenità, soprattutto per affrontare un processo che si presenta complesso ed intenso". Il prossimo 3 dicembre il prelato salernitano, quindi, sarà sul banco degli imputati dinanzi alla quinta sezione del Tribunale di Roma.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna lo spettro del Covid-19 a Salerno città, la denuncia del Comitato San Francesco e l'appello di Polichetti

  • Sorpresa in Costiera, "Fratacchione" Fazio in vacanza ad Amalfi

  • Coronavirus, 27 nuovi contagi in Campania: il bollettino

  • Covid-19: positiva una dipendente bancaria a Salerno

  • Covid-19, altri 7 contagi in Campania: i dati del bollettino

  • Covid-19 alla gelateria Buonocore, il titolare: "Abbiamo chiuso per tutelare i clienti"

Torna su
SalernoToday è in caricamento