Scontri tra tifosi e carabinieri durante Paganese - Chieti, due arresti

Due persone sono state arrestate a Chieti dai carabinieri in seguito ad accertamenti volti ad identificare gli autori degli scontri che hanno avuto luogo domenica scorsa nei pressi della A30

E' di tre carabinieri feriti e di due arresti, con ulteriori indagini in corso, il bilancio degli scontri che hanno avuto luogo domenica scorsa nei pressi del casello dell'uscita Nocera - Pagani della A30 Caserta - Salerno tra i carabinieri e i supporters del Chieti, in occasione dell'incontro di calcio Paganese - Chieti, valido per i play off (promozione in Prima Divisione) e vinto per 2 a 0 dai ragazzi di mister Grassadonia. A renderlo noto i carabinieri del reparto territoriale di Nocera Inferiore, agli ordini del tenente colonnello Gianfilippo Simoniello.

Nel dettaglio, intorno alle 14 e 30 di domenica, un autobus con a bordo 53 tifosi ultras "irriducibili", non tesserati e privi di biglietto, è stato fermato dai militari del reparto territoriale e dai carabinieri del decimo battaglione Campania. I tifosi, riferisce l'Arma, volevano recarsi allo stadio ed entrare per assistere alla partita, pur essendo sprovvisti di biglietti. I supporters abruzzesi hanno quindi tentato, riferiscono i carabinieri, di forzare lo sbarramento, anche con lancio di pietre: ne sono nati scontri con le forze dell'ordine. Un ufficiale e due militari del reparto territoriale nocerino sono quindi rimasti feriti con prognosi tra i 5 e i 7 giorni.

Il sopraggiungere di un altro pullman con 40 tifosi abruzzesi a bordo ha portato i carabinieri a chiedere rinforzi: sono quindi giunti uomini della polizia di Stato e della guardia di finanza. Gli scontri si sono conclusi e nell'ambito degli accertamenti del caso (ancora in corso) volti all'individuazione delle persone coinvolte nei tafferugli (responsabili, si legge in una nota, di resistenza a pubblico ufficiale e lesionie personali), i carabinieri hanno arrestato a Chieti, nella notte, G. A. 24 anni, già noto alle forze dell'ordine e I. D., 35 anni, già noto alle forze dell'ordine e già colpito da DASPO.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus a Cava de' Tirreni, morto luogotenente dei carabinieri

  • Covid-19: situazione drammatica al Ruggi, anziana in gravissime condizioni

  • Covid-19: altri 3 contagi a San Mango, nuovi casi a San Severino, Sarno, Vibonati e Nocera

  • Covid-19: contagi in diminuzione in Campania, l'analisi dei dati

  • Covid-19: in Campania 2.677 contagi, 8 nuovi positivi a Salerno città

  • Covid-19 a Cava, lo sfogo di Carla De Pisapia: "Mio padre è morto e devono ancora farmi il tampone"

Torna su
SalernoToday è in caricamento