Sequestro dolci Sarno, denunciato titolare stabilimento

L'operazione è stata messa a segno dai carabinieri del NAS del comando provinciale di Salerno: quattro tonnellate di prodotti dolciari, in cattivo stato di conservazione, sono stati posti sotto sequestro

Immagine di repertorio

Quattro tonnellate di prodotti dolciari sono stati sequestrati dai carabinieri del nucleo antisofisticazione del comando provinciale di Salerno: i militari hanno posto i sigilli a uno stabilimento di Sarno denunciando in stato di libertà il titolare della ditta. Nel corso dei controlli, si apprende dall'ANSA, i carabinieri hanno riscontrato la pessima conservazione di cornetti, dolci e materie prime per la lavorazione. Inoltre, sulle etichette erano riportate false informazioni riguardanti la lavorazione. Il titolare della ditta, che riforniva bar e pasticcerie della provincia di Salerno, dovrà rispondere anche del reato di frode in commercio. I prodotti sequestrati erano conservati in pessime condizioni igieniche.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Domani a Campagna i funerali dello studente morto all'Unisa

    • Cronaca

      De Luca agli studenti: "Chi fa uso di droga non merita di vivere"

    • Cronaca

      Attentato a Manchester, il racconto di Gigi Cassandra: "Sto bene, non ho sentito l'esplosione"

    • Cronaca

      Anno scolastico 2017-2018: ecco il nuovo calendario regionale

    I più letti della settimana

    • Tragedia all'Università, giovane precipita dalla rampa di scale della Biblioteca e muore

    • Si schianta con la moto contro un'auto a Battipaglia: muore Maria Rosaria Santese

    • Domani a Campagna i funerali dello studente morto all'Unisa

    • Battipaglia, dolore e sgomento per la morte di Maria Rosaria

    • Si spara all'addome in via Leucosia: grave vigile urbano di Salerno

    • Studente precipita e muore all'Unisa, Tommasetti: "Un minuto di silenzio all’inizio di tutte le attività"

    Torna su
    SalernoToday è in caricamento